Santilli replica a Blasioli sulla pseudo-rotonda del ponte Capacchietti

PESCARA – Da anni la pseudo-rotonda del ponte Capacchietti versa in uno stato di assoluto degrado e di pericolosità. Lo sanno bene gli automobilisti, lo sapeva bene la precedente amministrazione comunale e lo sa bene l’attuale amministrazione comunale che una fila di vasi rotti non può costituire una rotatoria e di certo non può assolvere la funzione di migliorare la viabilità e garantire maggiore sicurezza.

Il vicepresidente del Consiglio comunale Gianni Santilli, Presidente della Commissione consiliare Sviluppo del Territorio, commentando la situazione in cui versa il rondò posto tra via del Circuito e il Ponte Capacchietti, in replica all’intervento del consigliere Pd Blasioli,ha assicurato che gli uffici comunali hanno avuto il mandato di redigere un progetto urgente per la realizzazione di un vero rondò, in ottemperanza alle norme del codice della strada.

Ha sottolineato Santilli:

già alcune settimane fa  abbiamo effettuato con i tecnici un sopralluogo per verificare gli interventi di massima urgenza da attuare su quella rotonda, ormai inesistente e delineata solo da qualche segnale a terra, segnali nati per essere provvisori e che poi il centro-sinistra ha trasformato in definitivi. Com’è infatti accaduto in molte altre parti della città, il governo di centro-sinistra in sei anni ha attuato una sorta di ‘sperimentazione’ sulla viabilità, installando rotonde e aiuole spartitraffico provvisorie, poi divenute definitive.

E’ accaduto all’incrocio tra via Bardet e via Andrea Doria, dove il rondò è indicato da un cerchio rosso disegnato a terra; e accaduto per anni sempre in via Andrea Doria dove l’ingresso sulla rampa dell’asse attrezzato era indicato da bidoni di plastica e dove solo la nostra amministrazione, pochi giorni dopo il proprio insediamento, ha sistemato il guard rail definitivo; è successo sul ponte Capacchietti, dove da anni la rotonda è stata indicata da dei dissuasori gialli sistemati a terra e da vasi in plastica, per lo più distrutti dalle auto in transito.

Per sei anni la passata amministrazione, di cui il consigliere Blasioli ha fatto parte come assessore al Traffico, non ha trovato il tempo e le risorse per sistemare in modo perenne quella rotatoria, ripristinando soprattutto il rispetto del codice della strada quanto a sicurezza. Oggi però lo stesso consigliere Blasioli, divenuto membro dell’opposizione, si è improvvisamente accorto della situazione di abbandono, degrado e pericolosità di quel rondò, di cui diventa paladino.

Il centro-destra, al contrario, è sempre stato consapevole della provvisorietà e dell’inadeguatezza di quei vasi che per sei anni hanno delimitato il rondò e per tale ragione abbiamo già dato mandato agli uffici di redigere il progetto per la realizzazione di un rondò reale nell’area, progetto che ci verrà riconsegnato entro pochi giorni.

Santilli replica a Blasioli sulla pseudo-rotonda del ponte Capacchietti ultima modifica: 2010-08-05T02:16:55+00:00 da Donatella Di Biase