La storia di Vera De Lollis, simbolo americano delle “infermiere di guerra”

Era abruzzese. Il padre Cesare, fu un grande “Chef” “, era nato a Fallo (CH) nel 1886

Vera De LollisFALLO – Cesare De Lollis nacque a Fallo (CH), il 15 giugno del 1886 da Adaminto (quarantaduenne “proprietario”) e Cleonice “Nice” Tavano. L’atto di nascita fu registrato dinanzi all’allora Sindaco Fiore Rosato. Il giovane Cesare apprese già nella sua Fallo l’arte della cucina. Nel 1902, a soli sedici anni, giunse negli Stati Uniti e trovò lavoro a Boston nel Massachusetts. Tornò in Italia alla fine del 1910 e fece ritorno negli Stati Uniti nel 1911. Giunse ad “Ellis Island” sulla nave “Oceanic”.

Nel 1913 sposò la compaesana Concetta D’Apollonio. In breve tempo le capacità di Cesare emersero e divenne uno degli Chef più apprezzati. Lavorò presso: “Hotel Somerset”, “Bradford” , “Sheraton”, “Boston City Club” e “Hotel Bancroft” di Worcester. Una figlia, Vera, diverrà una delle immagini simbolo delle “infermiere di Guerra”. Vera nacque a Boston e studiò ad Arlington e successivamente si diplomò alla “Mount Auburn School of Nursing” (scuola infermieristica) di Cambridge. Durante la seconda guerra mondiale prestò servizio come infermiera, per la Marina Americana, a bordo della USS Bountiful (nave ospedale) impegnata nel Sud Pacifico.

Fu congedata con onore nel 1945 e ricevette, per il suo coraggio e la sua professionalità, importanti decorazioni. Il suo nome viene tutt’ora citato come esempio alle giovani generazioni. Su vari siti della marina e in numerosi libri viene evidenziata la sua figura. In particolare sul libro “USS Bountiful – Servin the Fleets of Sea” la sua figura viene particolarmente esaltata. Tornata dalla guerra sposò Robert L. Bateman Jr.. I due ebbero un figlio Robert L. Bateman III. Vera De Lollis morì a Chatham, in Massachusetts, il 16 aprile del 2004.

A cura di Geremia Mancini – Presidente onorario “Ambasciatori della fame”

Foto: Vera De Lollis sulla nave ospedale “USS Bountiful”

La storia di Vera De Lollis, simbolo americano delle “infermiere di guerra” ultima modifica: 2018-11-08T11:21:27+00:00 da Redazione