Viabilità, disagi per la protesta dei lavoratori della Sixty

Il capoluogo adriatico ha  dovuto fronteggiare  l’ inattesa  protesta dei lavoratori

PESCARA- Ieri mattina Pescara bloccata  per lo stop alle auto in pieno centro determinato dalla manifestazione di protesta attuata all’incrocio tra piazza Duca D’Aosta e corso Vittorio Emanuele da parte dei lavoratori della Sixty.

Poco prima delle 11, in modo inatteso, i lavoratori armati di fischietti e striscioni, hanno inscenato un lento girotondo in mezzo all’incrocio, mandando in tilt il sistema viario. A disciplinare la mobilità sono intervenuti subito gli agenti della Polizia municipale che, coordinati dal colonnello Mario Fioretti hanno cercato di evitare ingorghi  e di mantenere costante il deflusso dei veicoli che, scendendo dalla rampa dell’asse attrezzato su piazza Italia, si ritrovavano nel bel mezzo della protesta.

Purtroppo la situazione imprevista, in mezzo alla mattinata, ha causato inevitabili disagi per i quali ci scusiamo con la cittadinanza, che comunque ha mostrato massima comprensione nei confronti di quegli operatori che manifestavano per conservare un posto di lavoro.

ha detto l’assessore alla Mobilità Berardino Fiorilli informato dalla Polizia municipale di quanto accaduto.

Ha continuato l’assessore sottolineando che Pescara ieri  ha sicuramente superato l’ennesima difficile prova, con una manifestazione di protesta inattesa piombata sulla città all’improvviso, in pieno centro, in un giorno lavorativo:

Manifestazione che fa seguito al corteo dei balneatori e a quello degli studenti, appena lunedì scorso. Sapevamo infatti, che ci sarebbero stati gli operatori della Sixty che avrebbero manifestato contro il rischio della perdita dei posti di lavoro, ma pensavamo che la manifestazione si sarebbe svolta in piazza Unione, ossia sotto la sede della Regione, che di fatto avrebbe limitato i disagi.

E invece i lavoratori hanno deciso di svolgere un primo concentramento proprio all’incrocio tra corso Vittorio Emanuele e piazza Duca D’Aosta, dove poco prima delle 11 decine di operatori, armati di bandiere sindacali, di striscioni e di fischietti, hanno richiamato l’attenzione della città iniziando a sfilare in un lento girotondo proprio in mezzo all’incrocio, di fatto bloccando il traffico in corso Vittorio Emanuele, via Marconi, in piazza Duca e in via Caduta del Forte, con prevedibili incolonnamenti sotto i semafori.

A gestire la situazione sono stati ancora una volta gli agenti della Polizia municipale che hanno cercato di liberare le principali vie di transito, facendo defluire le auto bloccate attraverso vie secondarie, riducendo per quanto possibile i disagi per gli automobilisti che si sono trovati fermi nella protesta. Intorno a mezzogiorno e mezza la situazione viaria ha iniziato a normalizzarsi.

 

Viabilità, disagi per la protesta dei lavoratori della Sixty ultima modifica: 2012-11-08T10:09:34+00:00 da Annarita Ferri