Home » Pescara » Spoltore, ripulita l’area di Fonte Barco [FOTO]

Spoltore, ripulita l’area di Fonte Barco [FOTO]

da Redazione

fonte barco spoltore

SPOLTORE – A seguito dei lavori condotti assieme alla Spoltore Servizi è stata ripulita l’area di Fonte Barco, adibita così alle visite guidate dei bambini organizzate dalla Pro Loco: dal 29 al 31 maggio i piccoli alunni della scuola “R.L.Montalcini” hanno partecipato a un’uscita didattica incentrata sul tema dell’acqua come fonte di vita per tutta l’umanità. Il progetto è nato dalla consapevolezza che educare ad una buona gestione delle risorse idriche è uno degli obiettivi dell’ Agenda 2030 per diventare cittadini consapevoli di domani.

“Abbiamo voluto restituire ripulito alla cittadinanza un importante sito identitario del Comune di Spoltore come Fonte Barco”, commenta il sindaco Chiara Trulli, “In vista di incontri con le scuole, ma anche di iniziative di promozione turistica della città. Ci appelliamo al senso civico dei cittadini e non solo, affinché si rispetti questo luogo e se ne preservi la bellezza nel tempo. Interventi di manutenzione come questo appena concluso hanno un costo molto elevato, ed è bene che se ne capisca il valore per evitarne quel vilipendio a cui troppo spesso assistiamo: gli incivili che gettano rifiuti e sporcano la fonte creano un grave danno non solo per le risorse dell’ente, ma anche per l’impiego di personale e mezzi per effettuare le necessarie operazioni di ripulitura. Ringrazio la Pro Loco per l’aiuto nella realizzazione di questi eventi, che danno sempre maggior valore al nostro territorio”.

“Esperienze didattiche di questo tipo sono davvero molto importanti e stimolanti per i nostri bambini” aggiunge l’assessore Francesca Sborgia, “Per questo da parte nostra abbiamo voluto garantire che la scuola potesse svolgerle, mettendo a disposizione sia la ripulitura della fonte dalle erbe sia quella con l’idropulitrice, per riportare tutto il luogo alla bellezza originaria e riadeguando l’area a quelle che erano le esigenze della scuola”.

Ti potrebbe interessare