Risarcimenti auto, libertà di scelta sull’officina

Altolà alle compagnie di assicurazione: minacciato anche il ricorso al Garante della concorrenza

CNA logoPESCARA – «Le novità normative sanciscono, una volta per tutte, il diritto dell’assicurato al risarcimento integrale del danno e la libertà di scelta dell’automobilista assicurato di riparare il veicolo dal proprio carrozziere di fiducia, che emetterà regolare fattura delle riparazioni effettuate e con una garanzia non inferiore ai due anni».

Altolà del Portavoce nazionale delle carrozzerie associate a Cna, Andrea Conti, alle compagnie di assicurazione: nel mirino, il mancato rispetto e applicazione delle novità introdotte dalla legge 124 del 2017 a tutela della concorrenza e del mercato. Norme che, a detta delle imprese del settore associate alla confederazione artigiana, evidentemente sembrano essere ancora indigeste da parte di chi considera il mercato come proprio terreno esclusivo di caccia.

Tanto duro, il confronto aperto dalla Cna, da far minacciare il ricorso in caso di voluta inadempienza, «all’Autorità Garante della Concorrenza e all’IVASS, che è organo di vigilanza nel settore»: «La legge – ricorda ancora Conti – ha formalmente esplicitato, nel codice delle assicurazioni, all’articolo 148, che “resta ferma per l’assicurato la facoltà di ottenere l’integrale risarcimento per la riparazione a regola d’arte del veicolo danneggiato avvalendosi di imprese di autoriparazione di propria fiducia, che fornisce la documentazione fiscale e un’idonea garanzia sulle riparazioni effettuate, con una validità non inferiore ai due anni per tutte le parti non soggette ad usura ordinaria“».

Risarcimenti auto, libertà di scelta sull’officina ultima modifica: 2018-09-28T11:52:44+00:00 da Redazione