Pescara: apre “Slow Art” con il mito di Narciso

Parte la seconda edizione della rassegna  ovvero aperitivi di filosofia, musica, danza e … altro nel centro di Pescara

PESCARA – Domani 7 agosto aprirà la  seconda edizione della rassegna “Slow Art” , un cocktail di filosofia, danza  e musica ,che si pone l’obiettivo di rivitalizzare il centro di Pescara. Gli spettacoli sono organizzati dal gruppo Alhena con il contributo della Provincia e del Comune di Pescara e la coproduzione con il Tsa dell’Aquila – Progetto Abruzzo e si svolgeranno a partire dalle ore 20.00, nel giardino di Victor Shoes, in via Piave 66. Ha detto l’assessore alla Cultura della Provincia, Fabrizio Rapposelli:

mi  auguro che l’animazione delle serate della nostra provincia sia sempre più sostanziosa nonostante la cultura attraversi un momento di grande difficoltà.

Il primo appuntamento della rassegna è con il mito di Narciso: in via Piave, alcune installazioni tratteranno il tema dello sguardo e del doppio (specchio) attraverso un’antologia di brani (da Platone a Nietzsche a Foucault) scelti e letti dalla professoressa Gabriella Platania, che dialogherà con il suono dal vivo dell’arpa della musicista Lucia Antonacci, mentre due danzatrici, delle quali una a 7 metri da terra, rappresenteranno il mito di Narciso.

La seconda serata, prevista per il 20 agosto, sarà dedicata al tema “Eros e Tanathos” con un riferimento particolare al film di Malle: “Ascensore per il patibolo”.
L’attrice Stefania Gerini leggerà testi che vanno da Platone a Nietzsche, da Schopenauer a Freud, da Roland Barthes a Umberto Galimberti, accompagnata dal gruppo Jazz Omaggio a Miles Davis (autore delle musiche del film) e dalle performance dei danzatori Silvia Di Rienzo e Claudio Ioanna.

L’ultima serata, in programma il 27 agosto, ideata sul film “Il grande Lebowsky”, vedrà da un lato Roberto Pedicini cimentarsi con i proclami ed i manifesti del Dadaismo, dall’altro il performer francese Gaspard Guilbert giocare sui temi del “riso” intorno a Bergson, Freud e Kundera. Il tutto accompagnato dai temi degli anni ’70 americani mixati dal Dj Globster.

Ha  aggiunto l’assessore comunale al Commercio, Stefano Cardelli:

siamo convinti che la miscela pubblico-privato-cultura-eventi sia una risposta concreta per rivitalizzare il centro della nostra città che soffre per la grande distribuzione.

Un ringraziamento a Provincia e Comune è stato espresso da Sandro Teodoro del Teatro Stabile perché promuovono le attività teatrali e culturali sul territorio nonostante le difficoltà che gli enti stanno attraversando.

Infine Anouscka Brodacz del gruppo Alhena ha dichiarato che si tratta di eventi unici che si terranno solo a Pescara per rilanciare la vocazione turistica della nostra città.

Pescara: apre “Slow Art” con il mito di Narciso ultima modifica: 2010-08-06T00:38:50+00:00 da Gulizia Leonello