Home » Eventi Abruzzo » Teatro » A Balsorano prende il via la rassegna “Art’é”: ecco quando

A Balsorano prende il via la rassegna “Art’é”: ecco quando

di Marina Denegri

La rassegna avrà inizio domenica 31 Luglio nello Spazio ex asilo di via Ravenna di Balsorano con lo spettacolo “I Viaggi di Alice”

robin hood balsoranoBALSORANO – Prenderà il via domenica 31 Luglio a Balsorano e San Vincenzo Valle Roveto la seconda rassegna “Art’ É” rassegna di teatro ragazzi realizzata dalla Coop. Sociale Fantacadabra in collaborazione con il Comune di Balsorano e il Comune di San Vincenzo Valle Roveto e il Teatro Stabile d’Abruzzo.

La rassegna avrà inizio domenica 31 Luglio alle ore 21 nello Spazio ex asilo di via Ravenna di Balsorano con lo spettacolo “I viaggi di Alice” Una coproduzione Fantacadabra e Teatro Stabile d’Abruzzo –

Una quinta come “Palazzo dei burattini” e un tappeto, faranno da sfondo alle storie che coinvolgeranno Alice, la protagonista dello spettacolo. Questa volta Alice ci dirà che: C’era una volta una bambina, che si chiamava… Prezzemolina, bella, innocente e arguta, che avrebbe dovuto presto imparare a guardarsi da pericoli meno fantastici di fate cannibali e dalle facili promesse di futuri adulatori, senza tuttavia perdere la curiosità per la scatola a sorpresa, un po’ beffarda, un po’ meravigliosa, che è la sorte. Una fiaba da cui a emergere è una certa sfrontatezza di Prezzemolina che non aspetta passivamente o con spirito sacrificale di essere riscattata da un eroe: anche quando è terrorizzata, in preda allo sconforto, non cede, sa il fatto suo, resiste per salvarsi letteralmente la pelle. Eppure in questa storia piena di movimento e dialoghi vivaci, tutti tendenti alla migliore soluzione finale c’è una casa materna, una donna incinta ed un orto, un’immagine familiare, che si popola di presenze ostili. Ma chi è in realtà la protagonista, cosa rappresenta? Come spiegare la sventatezza della madre, la sua sparizione nello svolgersi della trama?

Lo spettacolo rappresenta il punto di partenza per un percorso didattico più ampio, attraverso il quale la Compagnia Fantacadabra, in coproduzione con il Teatro Stabile d’Abruzzo, lavorerà per stimolare la fantasia dei piccoli spettatori su più livelli: innanzitutto quello creativo attraverso la rielaborazione dello spettacolo; poi quello partecipativo tramite la condivisione di un grande gioco collettivo con cui ripercorrere i temi affrontati nello spettacolo; infine quello critico e cognitivo grazie alla creazione di schede didattiche appositamente elaborate che guideranno il bambino nel gioco col materiale emotivo ricevuto dalla visione dello spettacolo. “I viaggi di Alice” Spettacolo per ragazzi e famiglie Con : Laura Tiberi, Aiuti di scena e burattinai: Santo Cicco Mario Fracassi. Testo e Regia: Mario Fracassi, Musiche: Paolo Capodacqua. Burattini e Pupazzi: Wally Di Luzio Scenografia: prof. Gianni Colangelo

La rassegna proseguirà Lunedi 8 agosto alle ore 21 nello Spazio ex asilo di via Ravenna di Balsorano con lo spettacolo della compagnia I Guardiani dell’oca Robin Hooh del castello di Nottingham. Un’affascinante storia dal sapore antico, ricca di sorprese e colpi di scena

Spettacolo con attori, pupazzi e sagome con gli attori Tiziano Feola | Zenone Benedetto
pupazzi Ada Mirabassi testo e regia Zenone Benedetto

Nell’affascinante mondo dell’Inghilterra medioevale, Robin Hood e la sua allegra compagnia, immersi nel verde fantastico e magico della Foresta di Sherwood, tentano di opporsi eroicamente alle cattiverie del perfido Principe Giovanni, detto il senza terra”, e del suo fedelissimo e cattivissimo Sceriffo di Nottingham. In un crescendo di emozioni i ragazzi potranno rivivere un’affascinante storia dal sapore antico, ricca di sorprese e colpi di scena. Little John, Frate Tuck, Lady Marianne, lo Sceriffo di Nottingham e il piccolo soldato Artur, faranno a gara per impedire o agevolare le imprese eroiche di Robin Hood. Tra fantasmini, castelli e antiche leggende, per circa un’ora, tutti potranno partecipare attivamente all’avventura fantastica di Robin.

Infine La rassegna si concluderà Lunedi 21 agosto alle ore 21 a San Giovanni Nuovo di San Vincenzo Valle Roveto in piazza G. Dannunzio con lo spettacolo “A che ora arriva L’Arca di Noé?” Con Santo Cieco, Laura Tiberi, Roberto Mascioletti, Natascia Pietrangeli, Mario Fracassi. Musiche e canzoni eseguite dal vivo da Germana Rossi e Regia Mario Fracassi

“Dovete essere sull’arca alle otto in punto se volete salvarvi, perché ci sarà una terribile alluvione…
Uno spettacolo che presenta una versione moderna e diversa del Diluvio Universale raccontata dalla prospettiva di tre pinguini. Una storia che tocca le corde della pancia, muovendo al riso e al pensiero. Uno spettacolo giocato su un registro che mescola l’umorismo alla riflessione e all’indagine esistenziale. Uno spettacolo che cerca, con facilità e ironia, di prendere sul serio la grande questione di Dio giocando sul diluvio in modo divertente e arguto.
La storia si svolge tra i ghiacci e le nevi del Polo dove tre pinguini, annoiati e litigiosi, sono sorpresi da un evento straordinario: il volo di una farfalla. Non hanno mai visto niente di cosi bello…
Proprio in quel momento una colomba viene ad annunciare il diluvio universale. Ma loro non possono salvarsi: c’è posto solo per due pinguini sull’arca di Noè, perché solo due animali di ogni specie potranno sopravvivere salendo a bordo. Che fine farà il terzo pinguino? Fortunatamente hanno un’idea brillante…
Un racconto dove poesia e ironia si intrecciano, capaci di suscitare un sorriso che rende più consapevoli. Uno spettacolo divertente e poetico sull’amore, una favola e una storia di amicizia e di solidarietà per tutti.

Nello spettacolo tre pinguini e una colomba (con Noè come comparsa) sono protagonisti di un racconto fuori dall’ordinario che intreccia questioni e quesiti metafisici fondamentali (l’esistenza di Dio, il problema del male, il peccato) con un umorismo irresistibile entro la narrazione del mito universale del Diluvio. Ma visto dal basso, con occhi di bambini.

A Balsorano prende il via la rassegna “Art’é”: ecco quando ultima modifica: 2022-07-25T18:00:40+00:00 da Marina Denegri