Terra Madre Abruzzo: sette statuette della Vergine in mostra

A 4772 TeramoGrande progetto che mette per la prima volta in rete musei abruzzesi tra civici, statali e privati. Il progetto si chiama “Terra madre Abruzzo” e nasce dall’interazione tra Regione Abruzzo, Legambiente, Icom Italia e Ministero dei Beni Culturali. Dal 29 giugno al 18 luglio sette statue raffiguranti la Vergine e provenienti dal “Museo Nazionale d’Abruzzo” de L’Aquila saranno messe in mostra in sette musei delle province di Chieti, Teramo e Pescara. La foto che vi alleghiamo è di Maurizio Anselmi.

Più che una mostra è un percorso: un abbraccio che vuole rincuorare e ricordare la sacralità di una terra che ha molto da offrire. Sette statue raffiguranti la Madonna e provenienti dal “Museo Nazionale d’Abruzzo” de L’Aquila saranno messe in mostra in sette musei delle province di Chieti, Teramo e Pescara: musei civici, statali e fondazioni  private che per la prima volta interagiscono insieme.

Il progetto “Terra Madre Abruzzo” nasce dall’interazione tra Regione Abruzzo, Legambiente, Icom Italia e Ministero dei Beni Culturali che, grazie ad accordi già avviati negli anni, ha permesso di superare in poco tempo la fase di emergenza nelle attività di recupero delle opere danneggiate dal sisma e di trasformarla in progetti di valorizzazione.

prego-entrate-pure

Dal 29 giugno al 18 luglio i sette musei accoglieranno a turno l’arrivo di una statua salvata dal Museo, scelta in base al contesto, dedicandole una stanza accessibile gratuitamente al pubblico, pur sempre durante gli orari di apertura, con allestimenti emotivi che rievocheranno le operazioni di salvataggio anche grazie alla proiezione di un video realizzato da Legambiente.

Il percorso inizierà lunedì 29 giugno a Teramo presso il Museo Civico Archeologico, alle 18.00, con un

saluto del sindaco della città Maurizio Brucchi, dell’assessore regionale alla cultura Mauro Di Dalmazio, del direttore generale regionale Mibac Anna Maria Reggiani, del direttore della Direzione regionale allo Sviluppo del Turismo e

Politiche culturali Gianluca Caruso, del presidente dell’ICOM Italia Daniele Lupo Jalla e del presidente Legambiente Abruzzo Angelo Di Matteo. È stato invitato a presenziare anche il Governatore della Regione Abruzzo Gianni Chiodi.

Coordinerà Paola Di Felice, direttore dei Musei Civici di Teramo, che dichiara:

«Questo vuole essere un segnale forte dell’empatia che i musei visitabili dimostrano verso quelli non più visitabili: la sinergia deve essere il nostro elemento di forza, per far sentire la nostra voce e reinventarci un futuro per i beni culturali e per la città de L’Aquila».

Al Museo Civico Archeologico sarà messa in mostra una Madonna col Bambino dei primi decenni del XV secolo: un’opera lignea d’ispirazione toscana che operò stabilmente nella città de L’Aquila. L’opera costituisce una prova tangibile delle strette relazioni che intercorsero tra la Toscana e l’Abruzzo aquilano a cavallo tra Tre e Quattrocento, ed è difatti toscano l’ambito stilistico al quale il gruppo fu relazionato per la prima volta dal Moretti.

Fino al 18 luglio altri sei musei si apriranno alle statue a Pescara, Chieti, San Buono e Francavilla al mare.

Il progetto “Terra Madre Abruzzo” è frutto di una rete di solidarietà che ha reso possibile la mostra , con il supporto di sponsor di qualità quali I Guzzini Start Light, La Sicurmax – Polisini, la Banca TERCAS, il Comitato Regionale dei Geometri della Toscana, Abruzzo Promozione Turismo e l’Associazione “Cento Artisti per L’Aquila”.

Terra Madre Abruzzo: sette statuette della Vergine in mostra ultima modifica: 2009-06-29T10:07:21+00:00 da Direttore