Sospiri e Filippello: laTarsu non subirà alcun aumento

PESCARA -Il  consigliere comunale Pdl Lorenzo Sospiri e l’assessore ai Tributi Massimo Filippello, intervenendo sulla notizia emersa dall’ultima Commissione Finanze e che aveva lasciato presagire  un aumento della Tassa sui rifiuti al Comune di Pescara,hanno detto che la Tarsu non subirà alcun aumento. Hanno altresì sottolineato che la  maggioranza di centro-destra è il governo che riduce le imposte e le tasse, non certo quello che colpisce le tasche dei contribuenti e l’Imu ne è la prova più eclatante: oggi Pescara è la città con l’aliquota più bassa d’Italia.

Ha ricordato Sospiri:

l’ultimo aumento della Tarsu, la tassa sui rifiuti  risale alla fredda notte del 15 dicembre 2008, a opera dell’ex giunta di centro-sinistra, che, senza lasciar trapelare nulla, ha varato, nel segreto della sala giunta, un incremento della tassa del 30 per cento, di cui i pescaresi si sono accorti quando si sono visti recapitare a casa, mesi dopo, i nuovi bollettini con i nuovi importi, ovviamente aumentati rispetto al passato, una vera doccia fredda per il territorio. Oggi dunque fa sorridere sentire l’ex assessore alle Finanze D’Angelo mettere le mani avanti e addirittura imputare al centro-destra la ‘futuristica’ volontà di aumentare la tassa, per far fronte, a suo dire, ai costi della Attiva. Il Piano aziendale della Attiva verrà ovviamente esaminato dalla maggioranza, così come la richiesta di un incremento dei costi per l’amministrazione comunale, ma questo non vuol dire che andremo ad aumentare la tassa per i cittadini, cosa che non avverrà mai finchè ci saremo noi al governo, mentre lo stesso non si può dire per il centro-sinistra. Il banco di prova è stato l’Imu: abbiamo tagliato anche le indennità dei dirigenti pur di non gravare sulle famiglie costrette, come noi, a subire una tassa iniqua e ingiusta.

Ha anticipato Filippello:

peraltro  vale la pena ricordare che da gennaio 2013 la Tarsu si trasformerà in Tares, ossia si passerà dalla tassa alla tariffa e, come previsto nel Regolamento, si tasseranno gli immobili, sia per uso civile che commerciale, in funzione della loro omogenea capacità di produrre rifiuti, dunque la tariffa non si calcolerà più sulle superfici utili, ma sulla produzione di pattume. Una modifica che ci costringerà anche ad accorpare alcune categorie e che per alcuni potrebbe tradursi in una concreta riduzione della tariffa stessa.

Sospiri e Filippello: laTarsu non subirà alcun aumento ultima modifica: 2012-11-16T01:08:18+00:00 da Redazione