Home » Sport » Calcio » Serie B » Pescara-Modena, parola ai due tecnici

Pescara-Modena, parola ai due tecnici

di Francesco Rapino

Soddisfatto il tecnico biancazzurro, deluso ma non rassegnato il coach degli emiliani

PESCARA – Dopo la vittoria del Pescara sul Modena, nella sala stampa dell’Adriatico-Cornacchia i due tecnici, Massimo Oddo ed Hernan Crespo, hanno analizzato l’incontro.

massimo oddoMassimo Oddo (allenatore Pescara): “Sapevamo che sarebbe stata una partita difficile, con queste squadre occorre il palleggio veloce per trovare le verticalizzazioni. Tante volte è complicato, sull’1-0 abbiamo subìto diversi lanci lunghi e ci siamo dovuti abbassare per forza. A parte la parata di Aresti e la traversa non ricordo altri pericoli, sono contento perché questa squadra sta maturando, è una squadra più matura di prima, sa soffrire di più, è attaccata al risultato, cosa che prima non era, faceva un pò fatica. Le partite di B sono tutte difficili, per una squadra come la nostra che non è fisica non si riesce a giocare con i lanci lunghi, in diverse situazioni si fa difficoltà. Bisogna sapere anche soffrire, ho cercato di mantenere la squadra alta fino alla fine ma purtroppo quando alla fine si è stanchi si può subire l’avversario. Di partite come questa ce ne sono una miriade, ne abbiamo fatte tante. Abbiamo rischiato in alcune circostanze così come potevamo fare un altro gol.

Campanaro? È un giocatore fondamentale, essenziale, ha grande capacità di recupero, ha grande esperienza, esperienza che fra qualche anno avranno i difensori più giovani. A fine partita ho fatto i complimenti ad Aresti, posso immaginare la sofferenza di un dodicesimo, si impegna, non è facile fare una partita ogni tanto, lui è un portiere di grandissima affidabilità, lo ha dimostrato, ma soprattutto è di grande professionalità, questo anche grazie ai suoi compagni, a Fiorillo e Aldegani, sono un gruppo unito, non è facile trovarlo. Noi c’eravamo prefissati un minimo di 30 punti, era il minimo indispensabile. Credo che stiamo facendo un grande campionato perché la squadra è completamente nuova ed è giovane. Questa squadra sin dalle prime partite ha cominciato a giocare bene a calcio, non sempre ci riesce. Anche quando non ci riesce in campo, si vede che ci sono determinati schemi e giocate che si provano a fare, poi ci sono anche gli avversari, ma io sono molto contento perché è un gruppo che segue, professionale e che ha ancora dei margini di miglioramento. Il mercato? Sono convinto che nessuno si muova da qui”.

hernan crespoHernan Crespo (allenatore Modena): “Sono molto deluso perché sapevamo di affrontare una corazzata, una squadra che ha delle qualità importanti a cui abbiamo tenuto testa, che potevamo subire un pò in fase di palleggio, ma la realtà dei fatti è questa. Abbiamo fatto un gol regolare nel primo tempo, c’è stato un miracolo al 95’ e siamo rimasti a mani vuote. Nel momento in cui eravamo in svantaggio abbiamo deciso di rischiare un pò di più. Quando ci si butta in avanti inevitabilmente si rischia qualcosa, ma nello stesso momento abbiamo concesso poco. Per noi è un film già visto, in trasferta non c’è niente da fare, meno male che è finito il 2015 perché raccogliamo veramente poco per quanto creiamo e meritiamo. Ci manca la continuità che è difficile da trovare in un campionato come quello di B, nello stesso tempo abbiamo tanto da fare perché questa è una squadra che nella passata stagione ha fatto i play out. Poi si deve ricostruire tutto, pian piano i giocatori si sono aggregati. Una serie di situazioni non ci ha permesso di avere continuità con i giocatori che avevamo.

Da un periodo a questa parte ci alleniamo un pò tutti e ultimamente è capitato l’infortunio di Granoche, stiamo lavorando con una serie di situazioni che non ci permettono di tirare fuori la testa e anche la fortuna non ci aiuta. Lapadula? Lui è bravo, si è girato in mezzo a tre uomini e ha fatto gol. Per quello che ci riguarda, speriamo che il 2016 ci porti un pò di fortuna in trasferta, la classifica la si costruisce facendo i risultati in trasferta, abbiamo raccolto veramente poco rispetto a quello che abbiamo fatto fuori casa. Dispiace perché avevamo la sensazione di potercela giocare contro una squadra che ha delle potenzialità enormi. Possiamo fare meglio, ne sono convinto, vedremo con la dirigenza dove andare a migliorare e andare a fare un mercato dove andare a sfruttare una serie di situazioni che vengono create. Abbiamo le idee chiare, vedremo nelle nostre possibilità di rafforzarci in modo da vivere con tranquillità i prossimi sei mesi”.

LEGGI: Serie B, Pescara-Modena 1-0: Lapadula colpisce, Aresti decisivo

Pescara-Modena, parola ai due tecnici ultima modifica: 2015-12-24T02:48:41+00:00 da Francesco Rapino