Calcio femminile, il Pescara vince il derby con il Chieti

chieti femminile

PESCARA – Il Pescara vince il derby d’Abruzzo, ma il Chieti Calcio Femminile ha non poco da recriminare anche per un arbitraggio apparso non all’altezza. Il direttore di gara ha infatti preso delle decisioni alquanto dubbie. Sul gol del Pescara c’è stata l’assegnazione di una punizione dopo aver applicato la regola del vantaggio lasciando la loro attaccante calciare in porta e su respinta del portiere il pallone è stato allontanato dal difensore neroverde. Solo in quel momento l’arbitro ha assegnato la punizione dal limite che poi ha portato al vantaggio. Nel primo tempo è stato fischiato anche un poco evidente fuorigioco fischiato su Scioli. Nel secondo un probabile rigore non assegnato alle neroverdi, un’ammonizione sventolata al capitano Giada Di Camillo per un fallo fantasma su Del Rosso, ma soprattutto un gol regolare inspiegabilmente annullato a Gangemi pescata in una posizione di offside apparsa decisamente non vera. Si interrompe così la scia positiva del Chieti, ma la prestazione della squadra è da lodare per grinta e concentrazione da parte di tutte le ragazze. Stoica in particolare Vukcevic: rimasta in campo per tutta la partita nonostante un brutto infortunio nei momenti iniziali, ha anche sfiorato il pareggio con una punizione e solo un provvidenziale intervento di Dilettuso le ha negato la gioia di una rete che sarebbe stata assolutamente meritata. Peccato dunque per la sconfitta, ma volendo leggere i novanta minuti a mente fredda sicuramente rimane un Chieti in costante crescita e sempre più consapevole di potersela giocare con tutte le avversarie.

CRONACA DELLA PARTITA

La cronaca si apre con l’infortunio di Vukcevic al 1′ di gioco. Al 4′ prima occasione della partita per il Pescara con Del Rosso che tira da fuori e Falcocchia blocca con sicurezza. Due minuti dopo gran lancio filtrante di Colecchi per Scioli che viene anticipata da Dilettuso in uscita. Al 12′ De Leonardis se ne va sulla fascia e prova il diagonale, ma angola troppo la mira. Al quarto d’ora è Di Sebastiano ad avere una grossa opportunità per portare in vantaggio le neroverdi, ma mette fuori da ottima posizione. Al 23′ il Pescara si rende ancora pericoloso con un tiro-cross di Racciatti, Falcocchia blocca la sfera in due tempi non senza difficoltà. Le biancazzurre insistono e al 25′ Stivaletta pesca ancora Racciatti che tira però debolmente fra le braccia di Falcocchia. Poco dopo è duello fra Stivaletta e Falcocchia con il portiere neroverde che nega la rete all’attaccante del Pescara. Ancora Stivaletta lanciata a rete conclude, risponde benissimo Falcocchia che respinge in angolo, ma l’arbitro ravvede (dopo diversi secondi) un ipotetico fallo di Gangemi sulla giocatrice di casa e assegna la punizione dal limite che viene trasformata da Del Rosso con il pallone che si infila a mezza altezza sul palo lontano. È la rete che deciderà il match. Al 43′ Scioli lanciata a rete viene fermata in dubbio fuorigioco dal primo assistente dell’arbitro.

Si va al riposo con il Pescara in vantaggio per 1-0. Alla ripresa delle ostilità la partita si infiamma. Subito un’azione da rivedere al 2′: Benedetti entra in area e viene travolta da un difensore, il direttore di gara però lascia proseguire. Un minuto più tardi una grande girata di Scioli esalta i riflessi di Dilettuso che si salva. Al 5′ gran botta di Stivaletta, bravissima Falcocchia a togliere letteralmente la palla dall’incrocio dei pali. Al 10′ viene annullato un gol al Pescara per un fallo in area di rigore. Vukcevic ci prova su calcio di punizione, ma il suo tentativo si spegne a lato al 12′. Un’indiavolata Scioli mette al centro un invitante pallone al 17′, ma Benedetti, arriva con un attimo di ritardo. Al 19′ su un altro cross di Scioli un difensore biancazzurro tocca la sfera con un braccio, ma l’arbitro lascia ancora una volta proseguire il gioco senza sanzionare l’intervento. Al 26′ Dilettuso compie un autentico miracolo sulla punizione ottimamente calciata da Vukcevic riuscendo in tuffo a deviare in angolo. Sugli sviluppi del conseguente corner arriva l’episodio incriminato: un appoggio di testa di Vukcevic mette in movimento Gangemi che da terra si gira e deposita in rete, ma il gol viene annullato per un inesistente fuorigioco visto che la giocatrice neroverde è tenuta in gioco dalla difesa biancazzurra. Tante le proteste, ma l’arbitro è irremovibile e conferma la sua decisione. Al 31′ Stivaletta si ritrova fra i piedi l’occasione per raddoppiare, ma Falcocchia para ed evita il peggio. Al 39′ il pubblico biancazzurro esulta sulla conclusione di Eugeni, ma è solo un’illusione ottica perché il suo tiro finisce sull’esterno della rete. È l’ultima azione di rilievo del match che si conclude con la vittoria del Pescara. Il Chieti rimane a 12 punti e viene scavalcato in classifica dall’Aprilia Racing Femminile ora a quota 13. Domenica prossima difficile impegno casalingo per le neroverdi attese dal confronto con il Salento Women attualmente quarta forza del campionato.

TABELLINO

Pescara – Chieti Calcio Femminile 1-0

Pescara: Dilettuso, Diodato, Vizzarri, Eugeni, Mari, Colasante, Racciatti (34′ st Giuliani), Del Rosso, Stivaletta (48′ st Conte), Copia, De Leonardis. A disp.: Antenucci, Maiorano, Di Russo, Dias Amado, Di Leonardo.
All.: Di Persio Roberto
Chieti: Falcocchia, Di Camillo Giada, Di Santo, Benedetti, Vukcevic, Colecchi, Di Sebastiano, Gangemi, Scioli, De Vincentiis, Di Domizio (38′ st Forcella). A disp.: Lacentra, Coscia.
All.: Lello Di Camillo
Arbitro: Palumbo di Bari
Assistenti: Di Cino di Lanciano e Giammarino di Pescara
Marcatrici: 30′ pt Del Rosso
Ammonite: Vizzarri (P), Di Camillo Giada e Gangemi (C).

Le impressioni sul match di Giada Di Camillo e Tommaso Gubbiotti:

“La squadra è molto tranquilla. Sorridente prima e dopo il match giocato. Non avevamo particolari pressioni addosso per questa partita, nella precedente intervista ho sottolineato, e ribadisco anche ora, che il derby è sempre un match particolare, ma tutte le partite per me hanno la stessa valenza. Se avessimo perso con un’altra squadra avrei e avremmo provato la stessa amarezza provata contro il Pescara. Né più né meno”.

Interviene Gubbiotti: “Tra tutte le trasferte da noi affrontate probabilmente mi permetto di dire che l’accoglienza che abbiamo avuto qui non è stata delle migliori. Come regolarmente succede in altri campi, siamo arrivati alle ore 13.00 e nessuno ci ha saputo dire quale fosse lo spogliatoio a noi assegnato, alla fine ci hanno relegati in una sorta di bunker dove siamo entrati vista la nostra rosa ristretta. Ci sono tanti spogliatoi al Poggio degli Ulivi e sistemarci esiliandoci in una sorta di sgabuzzino non totalmente pulito e ai limiti dell’igiene non è stato il massimo. C’erano tanti scalini da fare per raggiungere il campo. Ottanta scalini circa che le mie ragazze hanno percorso più volte tra riscaldamento e riconoscimento. Tra il primo e il secondo tempo abbiamo optato per restare in campo. C’è stata totale mancanza di rispetto. Quando il Pescara venne da noi allo Stadio Angelini non facemmo mancare nulla a loro, mi è sembrato non molto carino ciò che è successo”.

Riprende parola il capitano neroverde: “Queste situazioni si verificano in genere quando si teme l’avversario, evidentemente ci temevano e non poco. Tornando alla partita giocata, abbiamo giocato meglio nel secondo tempo: siamo state sfortunate perché Marija Vukcevic ha avuto un problema al ginocchio al primo minuto di gioco, ha stretto i denti per novanta minuti, ma non abbiamo potuto sfruttare tutto il suo potenziale al 100%. Dispiace perché comunque era tornata dal Montenegro per esserci ed essere utile alla causa, peccato veramente. È da apprezzare ovviamente che sia rimasta in campo fino alla fine della gara”.

Prende parola il Presidente: “Meritavamo sicuramente il pareggio perché realmente lo avevamo raggiunto a circa venti minuti dalla fine: il gol era assolutamente regolare, lo abbiamo rivisto anche nelle riprese televisive che all’inizio ci avevano negato sostenendo di aver avuto un guasto proprio al minuto 71. Oggi però, magicamente, tutti i tagli fatti nel precedente video sono stati eliminati”.

Giada Di Camillo torna ancora a parlare della partita e dalla sua squadra: “Nei secondi quarantacinque minuti di gioco atleticamente le abbiamo sovrastate, fisicamente loro erano scoppiate già al 50′: ci tengo a dire che stiamo lavorando bene nonostante la rosa ristretta. Stiamo giocando senza turnover: con tante under 15 è importante avere novanta minuti nelle gambe. Il mister sta facendo un grande lavoro, ma su questo nessuno aveva dubbi. C’è consapevolezza di aver disputato una buona partita, ci siamo espresse meglio nel secondo tempo. Penso che la mia ammonizione fantasma sia un po’ l’emblema di tutte le decisioni arbitrali prese nei 90 minuti. È bello che molte delle nostre bimbe e dei nostri tifosi siano arrivati al Poggio degli Ulivi per esserci vicini anche in questa occasione e li ringrazio perché sostengono a gran voce la squadra, perché ci sono spesso anche in trasferta e perché si distinguono per l’interesse esclusivo nei nostri confronti e ai colori neroverdi. A parere mio la tribuna biancazzurra poteva fischiare meno il nostro Presidente quando l’arbitro lo ha allontanato dal campo: è una persona che fa tanto per la nostra squadra e lotta come tanti altri presidenti per far sì che questo movimento calcistico al femminile vada avanti. Ora testa alla prossima partita, dovremo affrontare un po’ di situazioni negative che vanno in questo momento a compromettere la nostra rosa perché io, in seguito all’inspiegabile ammonizione, sarò squalificata, Marija non si sa se potrà essere della partita, credo verrà preservata. Non sarà facile, ma non ci fasciamo la testa prima di rompercela. Lavoreremo questa settimana per cercare di fare punti contro il Salento. Fino a marzo ci aspettano partite tutte difficili contro le prime quattro della classifica. Cercheremo di fare il possibile per prendere punti qua e là. Vogliamo fare bene contro una squadra più attrezzata di noi per regalare una sorpresa ai nostri tifosi”.

Calcio femminile, il Pescara vince il derby con il Chieti ultima modifica: 2019-02-12T19:41:15+00:00 da Redazione