Orso ucciso da una fucilata, assolto l’imputato: il ‘fatto non costituisce reato’

orso PettoranoSULMONA – Il ‘fatto non costituisce reato’: con questa formula il giudice del Tribunale di Sulmona, Marco Billi, ha assolto Antonio Centofanti, 65 anni, rinviato a giudizio per aver ucciso a colpi di fucile – per sua stessa ammissione – un orso marsicano, ritrovato morto su una pista ciclabile a Pettorano sul Gizio nel settembre 2014.

Il pubblico ministero, Tiziana Pinterpe, aveva chiesto l’assoluzione dell’imputato. Accogliendo la tesi della difesa e la richiesta del Pm il giudice Billi ha pronunciato sentenza di assoluzione, ritenendo che il colpo mortale esploso contro l’orso sia partito accidentalmente dal fucile dell’imputato, mentre lo stesso stava cadendo a terra dopo essersi ferito a una gamba.

Tanto è vero che la mattina dopo Antonio Centofanti fu medicato per quella caduta dai medici del pronto soccorso dell’ospedale di Sulmona.

Orso ucciso da una fucilata, assolto l’imputato: il ‘fatto non costituisce reato’ ultima modifica: 2018-04-11T18:48:22+00:00 da Redazione