Massimo D’Ambrosio ha chiuso il 53° Congresso Nazionale del Notariato

congresso nazionale notariato

Il pescarese è intervenuto questa mattina nell’appuntamento che ha raccolto più di 2 mila presenze. Il presidente del Consiglio Conte: “Quello del notaio è un ruolo strategico”

ROMA – Più di 2 mila notai hanno assistito questa mattina all’atteso intervento del neo presidente del Sindacato Sociale Notarile, il pescarese Massimo D’Ambrosio, all’interno del 53° Congresso Nazionale del Notariato che si è svolto a Roma, presso il Rome Cavalieri.

I lavori congressuali dal tema “Semplificazione e innovazione: diritti e garanzie nell’Italia del cambiamento”, sono andati avanti per tre giorni, dall’8 al 10 novembre, e hanno visto la presenza massiccia di rappresentanti delle istituzioni e di governo. A partire dal presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, il sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio Giancarlo Giorgetti, il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede.

“L’innovazione tecnologica ha creato una forte aspettativa per la semplificazione burocratica del Paese”, ha detto D’Ambrosio, “e questo è un desiderio nobilissimo e ben fondato, data l’attuale situazione della nostra Pubblica amministrazione, ma non può essere utilizzata per abbattere gli istituti giuridici su cui si fonda la nostra società, sostituendoli con l’anarchia, in base al principio che, consultando un po’ internet, tutti sono capaci di tutto per conto proprio. L’innovazione tecnologica, dalla quale certo i notai non sono mai stati superati, non può giustificare la credenza che le macchine possano sostituire la mente umana e, per quello che ci riguarda, la valutazione del notaio”.

Il presidente del Consiglio Conte ha evidenziato “il ruolo fondamentale e strategico del notaio, che contribuisce a prevenire l’insorgere di contenziosi che appesantirebbero i tribunali di un ulteriore carico di lavoro. E al contempo incide in modo profondo sulle relazioni economiche e personali dei privati e delle imprese, garantendone uno svolgimento più sereno”.

Sempre rivolgendosi alla platea dei notai provenienti da tutta Italia, Conte ha affermato di “aver messo a punto un ampio progetto di riforma volto a operare una radicale semplificazione normativa e burocratica del nostro sistema giuridico, ancora troppo farraginoso e stratificato. A questo riguardo”, ha aggiunto il presidente del Consiglio, “prezioso è l’esempio offerto dalla categoria professionale dei notai la cui collaborazione con la Pubblica amministrazione ha consentito al Paese di raggiungere livelli di assoluta efficienza. Esempi ancora troppo isolati in un Paese appesantito e frenato, nel suo pur notevole potenziale di crescita, da inutili complessità, incertezze interpretative, rigidità di forme e procedure”.

Un così alto livello di partecipazione al Congresso Nazionale del Notariato è segno della vicinanza e dell’attenzione alla professione del notaio. “Il sindacato”, ha concluso D’Ambrosio, “ha compiuto e continuerà a compiere tutti i passi necessari per puntualizzare la verità sulla nostra professione. Fermo restando che non disprezziamo l’attività politico-diplomatica che consideriamo essenziale, specie se essa ha condotto alle parole degli esponenti politici di cui si è detto, nell’attesa che dalle parole si passi ai fatti riteniamo giusto ricordare che esiste una linea rossa di rispetto della professione e dei professionisti, che non si deve superare”.

Massimo D’Ambrosio ha chiuso il 53° Congresso Nazionale del Notariato ultima modifica: 2018-11-10T18:05:18+00:00 da Redazione