Dragaggio, incontro in Regione con marineria e operatori portuali

A fine novembre l’apertura delle buste per individuare il vincitore del bando .Chiesti   a favore degli operatori danneggiati  ulteriori aiuti per dicembre e gennaio

PESCARA – Saranno aperte alle fine del mese, il 28 novembre, le buste relative alle offerte per la gara di dragaggio del porto canale di Pescara. Dopo l’individuazione del vincitore si procederà all’affidamento dei lavori e alla consegna degli stessi. Questi i prossimi step individuati ieri  nel corso di un incontro tra i rappresentanti di Regione, Provincia, Comune, Camera di commercio e Capitaneria di porto e una delegazione di armatori e di imprese di servizi portuali. Il presidente della Regione, Gianni Chiodi, gli assessori Mauro Febbo e Carlo Masci e il consigliere Lorenzo Sospiri hanno registrato le richieste degli operatori, che lamentano il fatto di non poter tornare in mare all’inizio di dicembre, quando finirà il fermo, perché i lavori di dragaggio non saranno ancora a buon punto. A fronte di questa situazione di perdurante difficoltà gli operatori chiedono alle istituzioni locali di attivarsi in tutti i modi possibili, anche presso il Governo centrale che deve occuparsi del dragaggio, affinché vengano individuate nuove forme di sostegno per tutti gli operatori che stanno subendo questa situazione – compresi i dipendenti – anche attraverso una moratoria. Vogliono anche sapere il cronoprogramma esatto dei lavori perché temono che prima della seconda metà di gennaio non si cominci a scavare. La Regione,il  presidente della Provincia Testa, il sindaco Albore Mascia, e il presidente della Camera di commercio Becci, hanno assicurato che si adopereranno a stretto giro per rispondere anche in questa occasione alle istanze degli operatori e la prossima settimana incontreranno di nuovo le categorie per fare il punto della situazione. Alla riunione hanno partecipato, su richiesta della marineria, Augusto De Sanctis del Wwf, Carla Giansante dello Zooprofilattico, e il geologo Francesco Di Donato, che hanno studiato con attenzione il bando di gara del Provveditorato alle opere pubbliche.