Home » Regione Abruzzo » Pro Loco ENDAS Abruzzo, nominato il direttivo di settore

Pro Loco ENDAS Abruzzo, nominato il direttivo di settore

da Redazione

dangelo e di francescantonioREGIONE – Confermati i vertici del Settore Pro Loco dell’ENDAS Abruzzo, dopo un quadriennio che ha portato importanti risultati quali l’adesione di molte associazioni pro loco, il riconoscimento del settore stesso da parte della Regione Abruzzo e l’organizzazione di iniziative culturali e sociali dedite alla valorizzazione dei borghi.

Si consolida, quindi, una vera e propria fabbrica di idee, nata con scopi di promozione, sviluppo e riscoperta di dialetti, tradizioni, usi e costumi del vasto territorio regionale.

Nominato anche il direttivo di settore: oltre a Paola Di Francescantonio quale coordinatore, saranno parte attiva del mondo pro loco ENDAS anche Angelo Di Giacomo, Gianpiero D’Ercole, Vincenzo Ventura, Gabriele Vellante e Marco Cetra.

“Un team di persone che ha a cuore la nostra regione” esordisce soddisfatto il presidente regionale ENDAS Simone D’Angelo, “siamo impegnati sin dal secondo dopoguerra nel mondo delle organizzazioni associative, mettendo a disposizione di cittadini e ed operatori turistici uno strumento valido per tutelare e possibilmente migliorare la qualità della vita nella propria località. Vogliamo proseguire il nostro lavoro in questa direzione, raggiungendo presto ulteriori risultati”.

“Da oltre settant’anni l’ENDAS è sensibile alle politiche riguardanti il turismo sociale, l’ambiente, la riscoperta dei territori, la valorizzazione e la tutela delle bellezze delle varie località italiane” dichiara Paola Di Francescantonio, “abbiamo messo a disposizione delle associazioni e delle pro loco una serie di convenzioni e di professionalità a sostegno delle stesse ed un’organizzazione che si batte affinché i soci possano vivere serenamente la propria vita associativa e le pro loco possano ritrovare quell’identità perduta nel periodo di pandemia. Siamo e saremo un importante punto di riferimento e di supporto pratico e burocratico, soprattutto per l’avvio della riforma del Terzo Settore”.

Ti potrebbe interessare