Scanno, Rapporto Orso marsicano: il 13 agosto la presentazione

rapporto orso marsicano 2017SCANNO (AQ) – Sarà presentato lunedì 13 agosto a Scanno, nell’Auditorium Guido Calogero, il Rapporto orso marsicano 2017.
Per il terzo anno consecutivo il periodico Natura Protetta del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise è interamente dedicato alle attività legate alla conservazione dell’orso marsicano realizzate nel corso dell’anno 2017.

Il rapporto è edito dal Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, ma si arricchisce del contributo delle Regioni (Abruzzo, Lazio e Molise), dei Carabinieri Forestali, delle altre Aree protette ( Parco Nazionale della Maiella, Parco Regionale Sirente Velino, Riserva Regionale Monte Genzana Alto Gizio, Riserva Regionale Gole del Sagittario, Riserva Regionale Zompo lo Schioppo) e delle Associazioni (Salviamo l’orso).

Nel rapporto vengono riportate i dati sulle varie attività svolte nel corso dell’anno: monitoraggio, catture, orsi confidenti, misure di prevenzione, accertamento danni e indennizzi, ispezioni del nucleo cinofilo antiveleno, monitoraggio sanitario e attività di comunicazione, oltre agli aggiornamenti delle Regioni e delle altre Aree protette.

Tra le attività comuni vengono riportati i dati della rete di monitoraggio, formalizzata lo scorso anno tra aree protette, Regioni e Carabinieri forestali. La rete di monitoraggio Abruzzo e Molise, che si aggiunge a quella del Lazio, ha potuto documentare attraverso la verifica delle segnalazioni e le analisi genetiche la presenza di 10 orsi nei territori esterni al PNALM e alla sua ZPE, e tra questi 3 genotipi nuovi nella popolazione di orso bruno marsicano.
Nel 2017, per la prima volta, dopo 12 anni di conteggi nel PNALM, la linea spezzata che unisce i dati dei cuccioli nati nell’anno ha cambiato verso rispetto a quello atteso. Per la prima volta a un anno di nascite più numerose ne è seguito un altro. Per vedere crescere la popolazione di orso marsicano abbiamo bisogno di questo, che a una anno di nascite numerose ne segua un altro e un altro ancora. Non è facile. Non sarà facile. Perché accada abbiamo bisogno di salvaguardare le orse in grado di riprodursi, di evitare che muoiano per mano diretta o indiretta dell’uomo. Solo così potremo rafforzare quel timido, ma importante movimento di orsi fuori dall’areale storico del marsicano e realizzare una popolazione dell’Appennino Centrale. Ci sono segnali che vanno in questa direzione e questo deve rafforzare gli sforzi di tutti.

Infine, il Rapporto riporta gli ultimi risultati della ricerca sull’orso marsicano:

nel 2017 sono stati pubblicati 5 contributi scientifici su prestigiose riviste a livello internazionale. Tra queste, La ricerca sulla genomica ci rassicura sulla capacità dell’orso di conservare un adeguato sistema immunitario e ci tranquillizza nell’immediato rispetto al rischio di una rapida estinzione della popolazione, ma continuano a preoccuparci, nel medio-lungo periodo, gli effetti deleteri che la bassa variabilità genetica può provocare. Di tutto questo e di altro ancora si parlerà il 13 agosto a Scanno.

Alla presentazione parteciperanno:
Giovanni Mastrogiovanni, Sindaco di Scanno; Antonio Carrara, Presidente del Parco Nazionale d’Abruzzo; Cinzia Sulli, Responsabile area scientifica del PNALM; Roberta Latini, biologa PNALM; Antonio Antonucci, biologo Parco Maiella; Daniela D’Amico, Servizio promozione PNALM; Renato Di Cola, direttore ff. PNALM; Gen. Giampiero Costantini, Comandante Regionale Carabinieri Forestali Abruzzo e Molise; Gen. Cinzia Gagliardi, Comandante Regionale Carabinieri Forestali Lazio; Lorenzo Berardinetti, Assessore Parchi e Riserve Regione Abruzzo.

Scanno, Rapporto Orso marsicano: il 13 agosto la presentazione ultima modifica: 2018-08-11T00:41:15+00:00 da Redazione