Home » Eventi Abruzzo » “Pescara Leggiti Forte”: il progetto nell’ufficio postale di Corso Vittorio Emanuele

“Pescara Leggiti Forte”: il progetto nell’ufficio postale di Corso Vittorio Emanuele

di Redazione

momento evento

Questa mattina nell’ufficio postale di corso Vittorio Emanuele tappa del progetto “Pescara Leggiti Forte”, organizzata dall’associazione Movimentazioni APS

PESCARA – Ha fatto tappa questa mattina, nell’ufficio postale di corso Vittorio Emanuele a Pescara, l’evento finale del progetto “Pescara Leggiti Forte”, iniziativa organizzata dall’associazione Movimentazioni APS in collaborazione con il Comune di Pescara per promuovere la lettura espressiva ad alta voce in città.

Un appuntamento di quindici minuti circa, intorno a mezzogiorno, nei quali la dipendente Monica Scurti ha declamato nella sala al pubblico passi toccanti tratti dal libro “Lettere dal Fronte. Poste Italiane nella Grande guerra”, edito da Rizzoli in collaborazione con l’Archivio Storico di Poste Italiane. Tra i molti intervenuti ad assistere alla lettura, accolti dal direttore provinciale di Poste Italiane Pio Violante e dalla direttrice dell’ufficio postale Anna Maria Di Cenzo, il sindaco di Pescara Carlo Masci.

Il volume, di grande valore storiografico, documenta aspetti inediti della vita al fronte durante la Prima Guerra Mondiale, anche attraverso le lettere spedite a casa dai soldati inviati al fronte. Tra queste, alcune di quelle – tra le oltre un migliaio – indirizzate dal poeta-soldato Gabriele D’Annunzio alla sua amante di allora, Olga Brunner Levi, affascinante animatrice di uno dei salotti letterali-musicali veneziani e da lui soprannominata “la Venturina” (per il colore degli occhi che ricorda le “avventurine”, i particolari vetri di Murano) o la “Rosa della mia Guerra”.

“Abbiamo accolto con piacere – spiega il direttore provinciale di Poste Italiane Pio Violante – la richiesta dell’associazione Movimentazioni APS che ha individuato questo ufficio postale tra i luoghi simbolo per promuovere la lettura. Ospitare un evento di questo tipo significa per noi sostenere anche altri due importanti valori in cui come azienda crediamo particolarmente: quello del territorio e quello della scrittura epistolare. Abbiamo scelto di leggere alcuni significativi passaggi di questo libro perché documentano sia una vicenda dolorosa che purtroppo è tornata attuale con il conflitto russo-ucraino sia il grande lavoro di Poste durante la Grande Guerra nel favorire gli scambi tra persone care”.

“Pescara Leggiti Forte”: il progetto nell’ufficio postale di Corso Vittorio Emanuele ultima modifica: 2023-04-21T17:30:17+00:00 da Redazione