Pescara, complesso ex Gesuiti: rifacimento in erba sintetica dei campi sportivi

PESCARA – Ieri mattina le Commissioni consiliari Lavori pubblici e Sport, nel corso della seduta congiunta, per la variazione del Programma Triennale dei Lavori pubblici, hanno approvato il progetto che prevede il rifacimento in erba sintetica dei campi sportivi del complesso degli ex Gesuiti, non solo il campo di calcio e rugby, ma anche il diamante per il baseball oggi in erba naturale. Il progetto, che comporterà un investimento complessivo pari a 625mila euro, ora approderà all’esame del Consiglio comunale per l’ultimo nulla osta.

L’assessore allo Sport del Comune di Pescara Nicola Ricotta al termine della seduta delle Commissioni ha ricordato:

nel Programma Triennale dei Lavori pubblici avevamo in realtà già previsto e inserito il progetto di trasformazione in erba sintetica dell’attuale campo in erba battuta di calcio e rugby situato all’interno del complesso sportivo degli ex Gesuiti, per un importo complessivo di 400mila euro finanziato con un mutuo presso la Cassa Depositi e Prestiti. Accanto al primo campo c’è però anche il diamante per il baseball realizzato in erba naturale, il quale per buona parte si interseca con quello di calcio; a questo punto i nostri tecnici si sono resi conto dell’impossibilità di intervenire solo su una parte della struttura e hanno redatto un progetto di ampliamento delle opere, prevedendo il rifacimento anche del campo di baseball.

L’obiettivo dell’amministrazione è ovviamente quello di migliorare gli standard dei nostri impianti sportivi in considerazione della candidatura di Pescara al titolo di Città Europea dello sport 2012. La Commissione europea dello sport, infatti, valuterà la nostra candidatura sulla base di verifiche che verranno eseguite attraverso l’Associazione Capitale Europea dello Sport, incaricata di effettuare visite periodiche presso gli impianti sportivi comunali che dovranno essere in perfette condizioni, anche perché il conseguimento del prestigioso titolo, oltre a dare lustro al territorio, ci permetterà anche di accedere ai fondi di Lisbona.

Non solo: consideriamo che l’attuale campo in erba naturale comporta una manutenzione ordinaria costante, con un consistente dispendio di risorse, sia umane che economiche, mentre la trasformazione del campo in erba sintetica è stata accolta in modo favorevole dalle stesse società sportive, di calcio, di rugby e di baseball, che quotidianamente svolgono la propria attività nel complesso.

Il progetto, già redatto dagli uffici tecnici prevede la scarifica della parte superficiale del terreno esistente con livellamento del piano per la formazione di due pendenze per lo smaltimento delle acque meteoriche e di irrigazione; la realizzazione di una linea fognaria ad hoc per lo smaltimento delle acque meteoriche e la fornitura e posa in opera del manto in erba sintetica, con la relativa segnaletica.

Ha proseguito Ricotta:

i due campi saranno realizzati con tutti gli accorgimenti indispensabili per ottenere l’omologazione, e ovviamente  la spesa passerà da 400mila euro a 625mila euro, ossia 225mila euro in più destinati al campo da baseball, di cui 100mila euro provenienti dall’alienazione di un vecchio immobile e 125mila euro quale avanzo derivante dal ribasso d’asta per la riqualificazione del campo sportivo ‘Flacco’, dunque somme già disponibili che non aumenteranno l’indebitamento del Comune. Il passaggio in Consiglio comunale della delibera è necessario perché la nuova spesa prevista supera del 50 per cento la somma originaria, dunque impone una variazione del Piano Triennale. Subito dopo l’ok del Consiglio, potremo procedere con la progettazione definitiva ed esecutiva.

Pescara, complesso ex Gesuiti: rifacimento in erba sintetica dei campi sportivi ultima modifica: 2010-08-05T13:33:23+00:00 da Donatella Di Biase