Home » Sport » Calcio » Serie B » Pescara, Baroni: “Il cuore oltre l’ostacolo”

Pescara, Baroni: “Il cuore oltre l’ostacolo”

di Rita Consorte

Marco-Baroni“Sono contento per Marco, gesto d’affetto l’abbraccio di Maniero”

PESCARA – Dopo la sconfitta subita a Latina, il Pescara con una perla di Sansovini al 93’ stende il Catania degli ex Calaiò e Maniero entrambi fischiati dal pubblico pescarese al momento della sostituzione. Soddisfatto per la vittoria è il tecnico del Pescara, Marco Baroni che in conferenza stampa non le manda a dire e va giù pesante quando parla di Pasquato:

“Pasquato ha messo in crisi la squadra, non c’è giustificazione a quello che ha fatto, è stato un gesto di nervosismo e pagherà la multa”.

Durante la partita il pubblico pescarese non ha digerito la sostituzione di Baroni, fuori Melchiorri e dentro Sansovini, mossa rivelatasi più che giusta:

“Avevo bisogno di giocatori freschi che facessero pressione, Federico era stanco. Il gol di Sansovini è un premio per lui e per tutti i ragazzi, avevo chiesto loro di buttare cuore e gambe oltre i loro limiti, e nel secondo tempo lo abbiamo fatto. Gessa, ad esempio, è entrato nel modo giusto. Nell’intervallo ho detto ai ragazzi che l’unica cosa importante sarebbe stato l’atteggiamento”.

Prima della partita Maniero, ha salutato Baroni con un bel gesto:

”Sono stato contento di rivederlo e il nostro è stato un bell’abbraccio, con grande affetto”.

Rammaricato per la sconfitta è il tecnico del Catania, Dario Marcolin che commenta così il dopo gara:

”Pensavo di vincere. Intendevo sfruttare gli spazi che il Pescara avrebbe lasciato con un uomo in meno. Col gol di Sansovini si commenta una partita diversa. Se avessimo segnato noi, il discorso sarebbe stato un altro.

Entrambe le squadre avevano come obiettivo la vittoria. Noi abbiamo avuto molte occasioni. Quella di Castro, quella di Martinho, entrambi entrati dalla panchina. Il Pescara è un’ottima squadra. Bjarnason mi è piaciuto molto, da solo riusciva ad aiutare il suo attacco. Spesso riuscivamo a trovare Rosina tra le linee, recuperando palla. Proprio lì dovevamo essere più cattivi. Abbiamo tenuto il possesso, cercavamo di andare sull’esterno.

Se guardiamo la classifica, abbiamo ancora una partita da recuperare, quella contro il Modena. Contro il Pescara sembrava che da un momento all’altro potessimo fare gol. I delfini si sono difesi molto bene. Ho sostituito Maniero perché già ammonito.

Si è trattato di una partita importantissima. Nel primo tempo è stata abbastanza equilibrata. Ci siamo sbilanciati per cercare di far gol, e il Pescara ne ha approfittato. Sono soddisfatto di quello che ha fatto la squadra. Non posso dire lo stesso per il risultato.

Non abbiamo giocato per il pareggio, altrimenti non avrei fatto quei determinati cambi. Così ho cercato di dare alla squadra più spinta in avanti. Gli avversari ci avranno anche studiato guardando le due partite in casa contro Pro Vercelli e Perugia.

Handicap trasferta? La squadra ha fatto la partita che doveva fare, anche nell’atteggiamento. I ragazzi hanno fatto quel che io ho chiesto loro. É stato Mazzotta a perder palla. Sansovini se l’è ritrovata tra i piedi e ha calciato”.

LEGGI:

Pescara-Catania 1-0: Sansovini show, il Delfino fa festa

Pescara, Baroni: “Il cuore oltre l’ostacolo” ultima modifica: 2015-02-22T23:08:03+00:00 da Rita Consorte