Home » Attualità » Ordinanza n. 50 di Marsilio: i dubbi di Sara Marcozzi

Ordinanza n. 50 di Marsilio: i dubbi di Sara Marcozzi

di Marina Denegri

sara marcozzi m5s

Il capogruppo del M5S é sorpresa che siano consentite alcune attività e attende la pubblicazione perchè su whatsapp circolano due versioni

PESCARA – Sara Marcozzi, capogruppo del Movimento Cinque Stelle in Abruzzo,  contesta l’operato del Governatore Marsilio, che attraverso l’ordinanza numero 50, secondo il suo parere, sarebbe andato contro il Parere del Comitato Tecnico Scientifico per consentire attività a lui care quali le passeggiate a cavallo o la pesca sportiva, assolutamente non urgenti.

La Marcozzi ha detto di essere rimasta sorpesa di vedere consentite le passeggiate a cavallo perchè pensava che i presunti diritti costituzionali violati, invocati da Giorgia Meloni, fossero altri. Ma soprattutto ha rilevato come dell’ordinanza in questione, su whatsapp, circolino due versioni: una che si sviluppa in 15 punti e una da 17 punti, alcuni dei quali evidenziati in giallo. Questa seconda versione reca in sé due ulteriori punti, ossia l’apertura dei fiorai e vivai per la festa della mamma e un paio di aperture ad hoc di attività commerciali per i comuni di Bellante (TE) e Ortona (CH), rispettivamente per i giorni 2 maggio (Festa Patronale di Sant’Atanasio, Santa Croce e San Francesco di Paola) e 4 maggio (proprio in corrispondenza della festa del Perdono di San Tommaso).

Marcozzi ha detto che fino alla pubblicazione non si potrà sapere quale delle due sarà quella definitiva, per sottolineare il pressapochismo che contraddistingue, a suo parere, il  Governo regionale Fratelli d’Italia – Lega.

Ordinanza n. 50 di Marsilio: i dubbi di Sara Marcozzi ultima modifica: 2020-05-01T17:00:03+00:00 da Marina Denegri