Comuni Ricicloni 2010 di Legambiente: premiato il Comune di Lanciano

12 milioni d’italiani differenziano oltre il 50% della spazzatura. Riciclo record in 1488 Comuni

Roma, 6 Luglio. Nell’ambito della manifestazione Comuni Ricicloni 2010 di Legambiente che si è tenuta  ieri mattina a Roma presso l’Hotel Quirinale, durante la quale sono stati premiati i comuni d’italia più virtuosi in materia di raccolta differenziata, il Comune di Lanciano per l’area sud ha ricevuto dal Co.Re.Ve. (consorzio nazionale riciclaggio vetro) il riconoscimento perchè:

accanto agli alti tassi di raccolta diferenziata fatti registrare dal punto di vista quantitativo, ha saputo conseguire livelli qualitativi di eccellenza grazie all’adozione di modalità di raccolta differenziata ottimale (monomateriale).

L’Applicazione di tale sistema ha permesso, infatti di raggiungere e garantire efficienza, efficacia ed economicità sia delle operazione di raccolta che delle successive fasi di recupero e riciclo dei rifiuti di imballaggio in vetro.

Comuni Ricicloni 2010 è  il concorso di Legambiente che premia i Comuni con i migliori sistemi di gestione dei rifiuti urbani. Al concorso, giunto alla 16a edizione i Comuni  hanno partecipato  inviando i dati relativi ai rifiuti urbani prodotti nel 2009. Per accedere alle graduatorie e ricevere l’attestato di Comune Riciclone era  necessario superare il 50% di raccolta differenziata. Ai comuni sotto i 10.000 abitanti delle regioni del Nord Italia la giuria ha invece imposto il superamento della soglia del 55%.

E’ ancora il Nord a fare la parte del leone per la gestione dei rifiuti in Italia: Ponte nelle Alpi, in provincia di Belluno, si piazza infatti al primo posto della classifica di Legambiente che ogni anno assegna gli Oscar del riciclo ai comuni che gestiscono al meglio i propri rifiuti. A livello regionale è il Veneto a svettare in cima alla classifica con una percentuale del 67% delle amministrazioni virtuose sul totale dei comuni, seguito dal Friuli Venezia Giulia con il 34,2%, dalla Lombardiacon il 28,8% e dal Piemonte con il 23,9%.

Eppure le buone pratiche e le performance di successo si stanno diffondendo anche al Centro Sud. La Sardegna si conferma leader tra le regioni emergenti sulla raccolta differenziata per aver raggiunto a fine 2009 una percentuale regionale del 35% (nel 2002 era al 3%). In Campania sono 84 i comuni da cui prendere esempio in materia di differenziata, con Salerno in testa, e 7 comuni rappresentano la Sicilia. Spiccano poi le esperienze dei 37 comuni sardi, dei 9 comuni del Lazio, dei 4 calabresi, dei 2 della Basilicata e, per la prima volta nella storia di Comuni ricicloni, di uno della Puglia (Monteparano, provincia di Taranto).

Ha dichiarato il presidente nazionale di Legambiente Vittorio Cogliati Dezza:

nonostante l’imperdonabile silenzio di molti media nazionali, ci sono regioni come la Sicilia che vivono una grave emergenza rifiuti con montagne di immondizia in strada, spesso oggetto di pericolosi incendi. Con la scusa della crisi palermitana, ancora una volta il governo vorrebbe imporre un commissariamento e realizzare altri mega inceneritori. Soluzione niente affatto utile perché, nella migliore delle ipotesi, entrerebbero in funzione tra 5 anni. Il modello da seguire esiste già anche sull’isola ed è costituito dai comuni ricicloni trapanesi e agrigentini che hanno performance di raccolta e riciclaggio paragonabili a quelli del Nord Italia. La rinascita del Centro Sud Italia deve partire dalle migliori esperienze ormai consolidate: le grandi città, a partire dalla Capitale, devono seguire l’esempio di Salerno, che ha finalmente sfatato il mito dell’impossibilità di fare la raccolta domiciliare su tutta l’area urbana.

Ha  detto Andrea Poggio, vice direttore Nazionale di Legambiente:

la nuova frontiera dei comuni ricicloni non è rappresentata solo dalla raccolta differenziata ma anche dalla prevenzione. Sono già 150 i comuni che hanno emesso un’ordinanza per vietare la distribuzione di sacchetti di plastica. A questi, si aggiungeranno prossimamente altre 250 località che hanno manifestato l’intenzione di metterli al bando. Legambiente ha inoltre deciso di lanciare una campagna per dire Stop ai sacchetti di plastica, nel timore che il governo decida di prorogare ancora il permesso alla commercializzazione: in tutte le prossime iniziative, da Goletta verde a Puliamo il Mondo, lanciamo un impegno volontario all’abbandono del sacchetto di plastica che puzza di petrolio, di spreco, di balene spiaggiate e di “trash vortex” nell’Oceano Pacifico.

Comuni ricicloni 2010 racconta un’Italia in movimento nonostante le difficoltà. Sono 12 milioni infatti gli italiani coinvolti nelle pratiche di raccolta differenziata nei ben 1488 che quest’anno rientrano nella classifica virtuosa di Comuni Ricicloni 2010.

Attivando servizi di raccolta differenziata, i comuni premiati hanno evitato l’emissione in atmosfera di 2,3 milioni di tonnellate di CO2, pari al 5% dell’obiettivo del protocollo di Kyoto per l’Italia. A questo risultato bisogna aggiungere anche il fatto che quasi 7 milioni di tonnellate di rifiuti sono state sottratte alla discarica.

Vincitore assoluto dell’edizione 2010 è il comune di Ponte nelle Alpi (BL), 8.499 abitanti, che, oltre ad aver conseguito il 83,5% di raccolta differenziata, ha l’indice di buona gestione più alto in Italia: 87,28**. Spicca poi il risultato di Salerno, miglior capoluogo riciclone del Centro Sud, per aver raggiunto il 60,3% di raccolta differenziata.

** L’indice di buona gestione è un “voto” alla gestione dei rifiuti urbani nei suoi molteplici aspetti: recupero di materia, riduzione del quantitativo di rifiuti prodotti, sicurezza dello smaltimento, efficacia del servizio. Per migliorare il proprio indice di buona gestione un Comune deve quindi porre attenzione non solo all’incremento della percentuale di raccolta differenziata, ma anche alla diminuzione della produzione pro capite totale di rifiuti, all’incremento della raccolta differenziata dei RUP (Rifiuti Urbani Pericolosi), alla promozione del compostaggio domestico.

Le dieci proposte di Legambiente per uscire dall’emergenza rifiuti

1. Aumentare il costo dello smaltimento in discarica

2. Diffondere le raccolte differenziate domiciliari in tutti i Comuni italiani

3. Completare la rete impiantistica per il recupero e il trattamento dei rifiuti

4. Rivedere il sistema di premialità/penalità per premiare la riduzione e il riciclaggio

5. Promuovere la diffusione delle buone pratiche locali sulla prevenzione

6. Avviare la redazione del Programma nazionale di prevenzione

7. Promuovere la qualità delle raccolte differenziate per massimizzare il riciclaggio

8. Garantire la certezza normativa, a partire dal passaggio tassa/tariffa

9. Non riaprire la stagione dei commissariamenti per l’emergenza rifiuti

10. Introdurre i delitti ambientali nel codice penale e istituire un fondo per le bonifiche dei siti orfani

Si tratta di dieci proposte concrete per fronteggiare – senza semplificazioni o mistificazioni – le emergenze che ancora affliggono il nostro Paese. Ci auguriamo fortemente che in futuro si possa concretizzare quella che viene definita la strategia “rifiuti zero”, ma intanto dobbiamo affrontare la complessità della gestione dei rifiuti che stiamo producendo oggi e che produrremo domani. Per questo che è necessario da subito mettere in pratica la strategia comunitaria e gerarchica delle quattro R (Riduzione,Riciclaggio, Riutilizzo, Recupero), dando il giusto peso e senza escludere nessuna delle opzioni previste. Solo così si potrà uscire definitivamente dal tunnel dell’emergenza che ha caratterizzato il nostro Paese fino ad oggi, rendendo possibile quella svolta che farebbe entrare l’Italia in Europa, una volta per tutte e senza distinzione tra Nord, Centro e Sud.

Particolare attenzione dovrebbe essere dedicata alle buste (o sacchetti) di plastica, che  costituiscono una causa di inquinamento ambientale nel pianeta e ogni anno mietono migliaia di vittime tra pesci, tartarughe, cetacei, delfini e  altri animali. Per dire Stop ai sacchetti di plastica, Legambiente lancia una petizione per il rispetto per le specie viventi, per il paesaggio e per la bellezza, per l’ambiente dell’Italia e del Pianeta. La petizione si rivolge agli esercizi commerciali perché trovino nuove soluzioni e chiede al Ministro dell’Ambiente di impegnarsi a non prorogare ulteriormente il divieto di commercializzazione di sacchi non biodegradabili, non rispondenti ai criteri fissati dalla norma comunitaria EN 13432, oltre il 31 dicembre 2010. Maggiori informazioni e petizione online sul sito: www.puliamoilmondo.it.

Comuni Ricicloni 2010 è stato realizzato da Ecosportello Rifiuti, lo sportello informativo di Legambiente per le pubbliche amministrazioni sulle raccolte differenziate, con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del mare. In collaborazione con: Conai, Federambiente, Fise Assoambiente, Anci, Cial, Comieco, CoRePla, CoReVe, Rilegno, Centro di Coordinamento RAEE, Achab Group, Novamont, Consorzio Italiano Compostatori, Scuola Agraria del Parco di Monza e la rivista Rifiuti Oggi. Il dossier completo “Comuni Ricicloni 2010” è disponibile sul sito www.ecosportello.org

Il dossier completo di Comuni Ricicloni 2010  è disponibile sul sito www.ecosportello.org

Comuni Ricicloni 2010 di Legambiente: premiato il Comune di Lanciano ultima modifica: 2010-07-07T01:12:22+00:00 da Donatella Di Biase