Chieti-Paganese 2-1: superati i campani in classifica, playoff più vicini

All’Angelini le reti di Del Pinto e Alessandro regalano il quinto posto in classifica

CHIETI – Il Chieti dei miracoli continua la sua fantastica corsa e opera il sorpasso in classifica ai danni della Paganese battendola all’Angelini 2-1: i neroverdi sono ora al quinto posto con 55 punti e vedono i playoff sempre più alla portata. Paolucci si affida in difesa al confermatissimo Serpico e schiera  Alessandro unica punta con il trio Berardino-Sabbatini-Fiore pronto a supportarlo in fase offensiva. Palumbo schiera Fava in attacco, ma lascia il bomber Orlando in attacco.

IL MATCH  Si parte ed è subito Chieti: al 2? annullato un goal ai neroverdi per un evidente fallo di mano di Del Pinto (poi anche ammonito) che favorisce il tocco a porta sguarnita di Migliorini. Tutto da rifare. All’8? Bigoni perde un pallone a centrocampo, ne approfitta Scarpa che si invola e crossa, Migliorini mette fuori area di testa, dal limite Tricarico fa partire un rasoterra che si spegne però a lato.

Al quarto d’ora straordinaria azione corale del Chieti: triangolazione nello stretto fra Alessandro e Sabbatini, palla a Berardino che spedisce alle stelle. Il risultato cambia al 27?: Sabbatini dall’angolo pesca Alessandro che di testa indirizza a rete, Robertiello leva letteralmente la palla dalla porta con un prodigioso balzo, ma Del Pinto è pronto a correggere in rete ancora di testa. È l’1-0 per i neroverdi. Al 40?Tricarico è costretto a lasciare il campo per infortunio, sostituito da De Martino.

Due minuti più tardi il Chieti raddoppia: clamoroso errore di Robertiello che sbaglia il rinvio, lesto Sabbatini a servire un indisturbato Alessandro che non deve far altro che appoggiare in rete a porta vuota. Si va al riposo su un meritato 2-0 per i neroverdi.

In avvio di ripresa il Chieti sfiora fra il 6? ed il 7? il tris in due occasioni: prima è Alessandro ad ubriacare un difensore e a tirare debolmente sul portiere in uscita, poi è Sabbatini a servire Fiore in profondità, ma è ancora Robertiello a chiudere lo specchio con una tempestiva uscita. Tre minuti più tardi brutto infortunio per Malerba, portato fuori in barella dopo uno scontro di gioco fortuito e sostituito da Di Noia. Il terzino sarà trasportato in ospedale dove gli sarà riscontrata una ferita lacero contusa alla fronte.

La Paganese c’è e si fa vedere con insidioso colpo di testa di Galizia che lambisce il palo. Palumbo tenta il tutto per tutto ed opera una doppia sostituzione giocandosi la carta Luca Orlando (dentro al posto di Nigro) e Giglio (gli lascia il campo Fabio Orlando).

Di contro Paolucci spedisce dentro Cardinali per Berardino, spostando così Di Noia a centrocampo. Al 26? una bella punizione di Scarpa finisce di poco alta. Cinque minuti più tardi Feola si oppone con un gran colpo di reni al bolide dalla distanza di Giglio, altrimenti destinato all’incrocio. Poco dopo esce Alessandro fra gli scroscianti applausi dell’Angelini, sostituito da Anastasi.

Al 40?Feola si ripete negando il goal ad Orlando con un altro intervento strepitoso. La Paganese insiste e ancora Orlando si divora letteralmente un goal già fatto a tu per tu con Feola. L’arbitro assegna quattro minuti di recupero e proprio nel finale di gara Pepe di testa segna la rete della bandiera. Finisce con il Chieti in trionfo sotto la Curva Volpi. Nota di merito al pubblico neroverde, accorso numeroso per supportare la squadra (si conteranno circa 1500 spettatori).

La “Banda Paolucci” festeggia così un altro successo ed è sempre più consapevole di potersela giocare con tutti: i playoff ora sembrano sempre più vicini, anche se ci sarà da lottare fino alla fine.

IMPRESSIONI POST PARTITA:

IL PRESIDENTE DEL CHIETI WALTER BELLIA: “Stiamo provando a fare di tutto per riportare il pubblico allo stadio, è stata una vittoria in campo e sugli spalti. Confido nella gente di Chieti perché stiamo facendo un campionato importante. Questi ragazzi stanno dimostrando tutto il loro valore. È una squadra che sta meritando i playoff e se ci arriveremo sarà una vittoria per tutti. Devo dire grazie ai giocatori e al mister perché stanno dando l’anima per cercare di raggiungere un obiettivo impensabile ad inizio stagione. Ci crediamo e da qui alla fine ce la giocheremo con tutti, senza dare assilli ai ragazzi, ci dovevamo salvare ed invece siamo lì in alto”.

L’ALLENATORE DEL CHIETI  SILVIO PAOLUCCI: “Sono contento della mia squadra. È stata una partita dura, la Paganese ha giocato alla grande concedendoci pochissimo. Abbiamo avuto la fortuna di andare in vantaggio su un episodio in un momento molto equilibrato del match e poi raddoppiato su un loro errore. Nel secondo tempo siamo partiti bene, ma poi c’è stata tanta sofferenza. Non eravamo in grande giornata,  ma merito di questo va anche ai nostri avversari che ci hanno messo in grande difficoltà. Negli ultimi venti minuti hanno sfiorato più volte il goal, trovandolo poi nel finale, meglio così perché altrimenti avrebbero anche potuto pareggiare ”.

L’ALLENATORE DELLA PAGANESE GIUSEPPE PALUMBO: “Abbiamo preso due goal molto strani, uno su calcio d’angolo e l’altro su un nostro infortunio difensivo. Sul 2-0 la partita era compromessa. Già prima delle due reti avevo visto una buona Paganese, nell’ultima mezzora è stato un assedio, il portiere del Chieti si è superato in più di una circostanza, dunque la nostra prestazione è stata positiva ed il risultato è bugiardo a mio avviso. La squadra ha lottato fino alla fine, con tante occasioni da rete. Dovevamo segnare prima, forse le cose sarebbero andate diversamente”.

L’ATTACCANTE DEL CHIETI JONATHAN ALESSANDRO: “Il mister è una mia vecchia conoscenza, c’è molta stima reciproca. Ho cercato di ripagare la sua fiducia sin dal mio arrivo a Chieti e spero di continuare in questo modo. Mi sono integrato bene qui: è merito dei compagni, della società, dello stesso ambiente e della città che mi ha accolto a braccia aperte. Noi crediamo nei playoff, anche la società ci crede, pur essendo partita con l’obiettivo della salvezza. I giocatori sono molto bravi e con ottime prospettive davanti dunque è giusto in questo momento insistere fino alla fine”.

TABELLINO:

CHIETI-PAGANESE 2-1

CHIETI: Feola, Bigoni, Malerba (11’st Di Noia), Amadio, Migliorini, Serpico, Fiore, Del Pinto, Alessandro (32’st Anastasi), Sabbatini, Berardino (21’st Cardinali). A disp. Perucchini, Gialloreto, Pedrocchi, Gammone. All. Paolucci

PAGANESE: Robertiello, Balzano, Agresta, Tricarico (40’pt De Martino), Pastore, Pepe, Galizia, Nigro (21’st Giglio), Orlando F. (21’st Orlando L.), Fava, Scarpa. A disp. Stillo, Sicignano, Loiacono, Neglia. All. Palumbo.

Arbitro: De Benedictis di Bari

Reti: 27′ Del Pinto, 42′ Alessandro, 93′ Pepe

Ammoniti: Feola, Del Pinto, Nigro, De Martino

Angoli: 3-7

Recupero: 2 minuti nel primo tempo, 4 minuti nella ripresa

NOTE: spettatori 1.500 circa.

Chieti-Paganese 2-1: superati i campani in classifica, playoff più vicini ultima modifica: 2012-03-26T10:36:45+00:00 da Piero Vittoria