Home » Sport » Calcio » Serie A » Cambio marcia nella ripresa, Pescara bravo e fortunato

Cambio marcia nella ripresa, Pescara bravo e fortunato

di Direttore

CAGLIARI – Gran colpo del Pescara a Cagliari grazie ad una sapiente gara di contenimento e di studio. Determinanti le mosse di Stroppa ad inizio ripresa  durante la quale la squadra si è mostrata cinica in avanti e rocciosa dietro, dove pur concedendo alcune palle gol, il muro ha resistito bene. Determinante l’ingresso di Weiss a fine primo tempo per uno spento Quintero e Terlizzi sia in avanti che in copertura. Con 7 punti nelle ultime tre partite per i biancoazzuri una grande boccata d’ossigeno in attesa della prossima gara all’Adriatico contro la quotata Lazio. I miglioramenti registrati partita dopo partita stanno rispecchiandosi anche nel rendimento in classifica.

COSI’ IN CAMPO – Rispetto alla gara di mercoledì contro il Milan, Ficcadenti preferisce Ariaudo ad Astori in difesa, a far reparto con Perico, Rossettini e Pisano. Linea mediana con Ekdal a fare il vice del capitan Conti fermo per squalifica con Dessena e Nainggolan. In avanti recupero di Sau preferito a Thiago Ribeiro con Pinilla ed Ibarbo. Stroppa conferma a grandi linee la squadra vincente contro il Palermo con il rientro dopo la squalifica di Perin e Terlizzi al centro della difesa con Zanon, Bocchetti e Balzano. A centrocampo conferma per il trio Cascione, Colucci, Nielsen mentre a supporto di Vukusic hanno operato Caprari a sinistra e Quintero in posizione di centrodestra. Proprio quest’ultimo, forse in un ruolo non propriamente suo, ha incontrato maggiori difficoltà tanto da essere sostituito sul finire del primo tempo da Weiss.


TURBO IBARBO – Buon avvio del Cagliari che lavora bene sulla fascia soprattutto con Ibarbo (il giocatore più in condizione) prima a destra con Balzano che veniva sistematicamente saltato e poi a sinistra con Zanon che ha rischiato più del giallo. La sua velocità è stato il valore aggiunto anche se il muro dei centrali biancoazzurri ha concesso pochissimo a Pinilla e company. Prima occasione al 6′ con una conclusione dai 30 metri di Colucci che vede Agazzi fuori dai pali e lo prova a freddare con un pallonetto che si spegne di poco a lato. Quindi è Nielsen a provarci al 10′ ma il tiro centrale dalla distanza non spaventa Agazzi che blocca a terra. Un paio di fughe del colombiano al 15′ e 17′ prima produce un corner quindi ad un intervento provvidenziale in anticipo di Terlizzi su Sau. Quintero in ombra si fa apprezzare solo al 19′ con una punizione senza troppe pretese. Al 21′ conclusione di sinistro di Ibarbo dal vertice destro dell’area e pallone che si alza sopra la traversa.

WEISS PER SQUOTERE L’ATTACCO – Tra il 38′ ed il 42′ il momento più delicato per il Pescara che prima trova Perin pronto sul primo palo di pugni a respingere la conclusione di Sau, quindi al 39′ conclusioni a raffica del Cagliari che impegna prima in uscita Perin che respinge subito dopo su Pinano che calcia a botta sicura in area e sulla seconda conclusione viene graziato dal palo, quindi una conclusione da fuori area di Nainggolan trova ancora i pugni del portiere del Pescara. Stroppa capisce che la squadra non riesce a ripartire e a rendersi imprevedibile così mette in campo Weiss per Quintero. Il dinamismo dello slovacco si fa apprezzare già dopo pochi minuti e sarà determinante nella ripresa.

TERLIZZI ESSENZIALE – Chi aveva scommesso sul tracollo del Delfino dopo i colpi del primo tempo resterà deluso perchè alla prima occasione sono i biancoazzurri a colpire: scatto di Weiss che sfugge a Rossettini poco prima dell’ingresso in area. Astuta punizione di Terlizzi che vede uno spiraglio alla destra di Agazzi e con l’ausilio di una doppia deviazione di Rossettini e Perico spiazza il portiere, sbloccando il match.

WEISS CHE GIOCATA! – Weiss è in forma e palla al piede è imprendibile. Al 10′ costringe al secondo giallo Rossettini con una fuga sulla sinistra quindi un minuto dopo offre a Bocchetti un crosse perfetto in area ma il colpo di testa termina di poco a lato. Ficcadenti si gioca la carta Cossu all’8 e successivamente passa ad un 3-3-3 con Casarini ed Astori in campo per Perico e Sau. Al 19′ punizione di Cossu dal limite e Terlizzi copre il primo palo di testa staccandosi dalla difesa con Perin spiazzato. Al 22’contropiede del Pescara con Vukusic che invece di servire sul secondo palo Caprari tutto solo conclude largo sull’esterno della rete e due minuti dopo assist del neo entrato Abbruscato per Caprari che in area lascia rimbalzare troppo il pallone e non trovando la coordinazione giusta spara alta sopra la traversa.

Al 31′ raddoppio del Pescara con Weiss che riceve il cross di Nielsen in area, stop, finta sul sinistra e calcia in diagonale sul destro a giro sul secondo palo. Grande freddezza e rapidità di esecuzione per la stella biancoazzurra. Al 33′ colpo di testa di Casarini con Perin che blocca  a terra. Gli assalti si fanno più frequenti ma la difesa regge bene l’urto. Solo al 37′ il rigore per un tocco di mani di Terlizzi su conclusione da fuori area di Naingollan da modo di riaprire il match. Sul dischetto Pinilla spiazza Perin con il piatto sulla sinistra del portiere del Pescara. Ma è troppo tardi, la benzina è finita e sono i ragazzi di Stroppa a fare il pieno facendo così un bel salto in avanti in classifica.

TABELLINO:

CAGLIARI: (4-3-3): Agazzi; Perico (dal 24′ st Casarini), Rossettini, Ariaudo, Pisano; Ekdal, Dessena (dall’8′ st Cossu), Nainggolan; Sau (dal 12′ Astori), Pinilla, Ibarbo. A disp.: Avramov, Avelar, Eriksson, Murru, , Thiago Ribeiro, Nenè, Larrivey. All.: Ficcadenti.

PESCARA: (4-3-2-1): Perin; Zanon, Terlizzi, Bocchetti, Balzano; Nielsen, Colucci (dal 27′ st Blasi), Cascione; Quintero (dal 42′ pt Weiss), Caprari; Vukusic (dal 22′ st Abbruscato). A disp.: Pelizzoli, Perrotta, Capuano, Terlizzi, Bjarnson, Celik, Brugman. All.: Stroppa.

Arbitro: Damato Assistenti: Viazzi, Niccolai

Reti: 5′ st Terlizzi, 31′ st Weiss, 37′ st Pinilla

Ammoniti: Zanon, Weiss, Pisano, Rossettini, Ekdal, Blasi, Terlizzi, Nielsen

Espulsione: 10′ st Rossettini per doppia ammonizione

Recupero: 1 minuto nel primo tempo, 3 minuti nella ripresa.

[Foto di Massimo Mucciante per gentile concessione]

Cambio marcia nella ripresa, Pescara bravo e fortunato ultima modifica: 2012-10-01T01:12:44+00:00 da Direttore