Home » Sport » Calcio » Serie A » Bergodi: “Pescara, credo nella salvezza”

Bergodi: “Pescara, credo nella salvezza”

di Rita Consorte

PESCARA – Dai banchi di scuola al rettangolo di gioco così si sono ritrovati dopo circa vent’anni Daniele Sebastiani, presidente del Pescara e il nuovo allenatore del Pescara Cristiano Bergodi; succede a Giovanni Stroppa dimessosi domenica pomeriggio dopo la sconfitta subita a Siena. L’ex tecnico del Modena ed ex calciatore del Pescara ai tempi di Galeone, ritorna nella città che lo ha cresciuto calcisticamente dopo circa ventitre anni.

Bergodi, si affaccia al calcio professionistico con la maglia del Pescara dove disputa tre campionati tra i cadetti (l’ultimo vinto) e due campionati di Serie A, prima di essere acquistato dalla Lazio dove rimane per ben sette stagioni.

Nel 1996 approda al Padova dove è protagonista con il resto della squadra della doppia retrocessione che porta il club veneto dalla serie cadetta alla Serie C2. Chiude quindi la carriera da calciatore a Malta, con la maglia delSliema Wanderers, squadra con la quale vince la Coppa di Malta.In carriera ha totalizzato complessivamente 189 presenze e 4 reti in Serie A e 80 presenze ed una rete in Serie B.

La sua carriera da allenatore inizia dopo due esperienze da subentrato con l’Imolese prima e Sassuolo in cui ottiene in entrambi i casi la salvezza ai play-out, approda in club di Serie A come vice di Caso alla Lazio nel 2004 e di Gregucci al Lecce nel 2005, esperienze concluse con l’esonero degli allenatori. Dal 2005 il suo nome è legato a quello della Romania: difatti si alterna alla conduzione di ben tre club balcanici, cioè il Na?ional Bucarest, il Cluj e il Rapid Bucarest fino al 2007. Da gennaio 2009 è l’allenatore del Politehnica Iasi sempre in Romania. Il 14 giugno 2009 passa alla Steaua Bucarest in veste di allenatore, però assumerà ufficialmente l’incarico dal 25 giugno, succedendo a Massimo Pedrazzini. Il 18 settembre 2009 viene esonerato dall’incarico, in seguito al pareggio per 0-0 contro lo Sheriff Tiraspol.

Il 12 luglio 2010 viene ingaggiato come tecnico dal Modena che riesce a portare a un buon decimo posto con 55 punti totali. Il 13 giugno gli viene rinnovato il contratto per la stagione successiva. Il 14 novembre seguente viene esonerato con la squadra al quart’ultimo posto in classifica. Torna al club emiliano dopo l’esonero del successore Agatino Cuttone.

Cristiano Bergodi, è stato presentato alla stampa nelle prime ore del pomeriggio  di ieri presso la sede della Humangest, a Pescara, dopo aver raggiunto un accordo con la società nella mattinata :il contratto prevede un ingaggio fino a Giugno 2013 con una opzione in caso di salvezza più il premio. Queste le sue prime dichiarazioni da neo tecnico del Pescara:

“ Desidero ringraziare sia il presidente Sebastiani e il ds Delli Carri, per avermi scelto. A Pescara, mi legano nove anni stupendi soprattutto gli anni 80’ quando sulla panchina c’era Giovanni Galeone.

Come persona – dichiara Bergodi – sono determinato e non mollo mai ora aspetto con impazienza solo di conoscere questa squadra”.

La squadra come la vedi? “ Beh, io penso di avere le idee già chiare, io ci credo a questa salvezza questo è un campionato livellato, io sono convinto del lavoro che faccio.”

Una parte della squadra ha palesemente remato contro l’ex allenatore Stroppa, è consapevole che bisogna per prima ricompattare lo spogliatoio?

“Sta a me valutare e parlare con i ragazzi, – dice l’attuale tecnico -, personalmente mi sono sempre trovato bene con le squadre che ho allenato; non ho paura di nulla.”

Quale sarà il modulo tattico che lei adopererà in questo Pescara?

“ Ritengo che un allenatore deve trovare il sistema di gioco, adatto ai ragazzi che uno ha a disposizione ora la cosa più importante è far amalgamare la squadra e tentare di darle il più in fretta possibile un’identità.”

Il suo staff da chi è composto?

“ Il mio staff è composto da Luigi Ciarlantini, allenatore in seconda, Fabrizio Ferron allenatore dei portieri, Raffaele Longo collaboratore tecnico e il preparatore atletico Marco Oneto”.

Bergodi: “Pescara, credo nella salvezza” ultima modifica: 2012-11-21T09:23:58+00:00 da Rita Consorte