Me tengo recordà che scì renata

L’AQUILA – Riceviamo  dall’ing. Camillo Berardi un canto , in vernacolo aquilano, ispirato alla città di “L’Aquila ferita dal sisma”, intitolato “Me tengo recordà che scì renata”. Con l’obiettivo di tenere sempre desta l’attenzione sui problemi di L’Aquila , nella  speranza di rinascita  che non è solo dei cittadini aquilani, nella convinzione che tutte le ferite con il tempo si rimargineranno pubblichiamo questo testo poetico,che suscita diverse e contrastanti emozioni.

Dallo sguardo dolorosamente malinconico sulle ferite della propria città, alla fierezza dei ricordi per come era L’Aquila, all’amore e alla forza interiore che spingono ad andare avanti…. tutto questo è  nell’animo di ogni aquilano.

Viene allegato anche lo spartito musicale, in formato pdf, che potrebbe essere scaricato ed essere letto dai numerosi cori cittadini, dai numerosissimi frequentatori del Conservatorio, ecc… E’ noto, peraltro, che L’Aquila è una città musicale (leggi lo spartito).

La musica è stata composta dal M° aquilano Camillo Berardi.

I versi sono della poetessa aquilana Giuliana Cicchetti Navarra.

ME TENGO RECORDA’ CHE SCI’ RENATA

L’Aquila a pezzi, tu, ‘na notte nera,
pare ‘nu sognu ma ‘ssa bbotta è vera
tutt’ è ruinatu ma tu sci’ la storia
‘na paggina da scrie pe’ lla memoria.
Chi s’è sarvatu mo’ te’ tanti strazzi
tra lle macerie ‘e chiese e de palazzi
la ggente che qua e là sta sbriricata
non vone cchiù vedette renfasciata!

Ju sole ch’è rrescitu mantoma’
m’ha fattu recorda’ com’eri bbella
ce vo’ ju tempu non sarrà ddoma’
ma tinghi rebbrilla’ come ‘na stella!

Non scroscia l’acqua cchiù da lle fundane
non sento de sonane le campane,
ju strusciu, ji quatrani e la cagnara
svejamme vojo da ‘sta notte amara.
Mo’ cchiù de prima ji’ te vojo bbene
fatte spari’ vurria tutte le pene
firita tu sarrài remarginata
me tengo recorda’ che sci’ renata!