Bit: celebrazioni per i 150 anni dell’Unità d’Italia anche a Civitella del Tronto

Presentato il logo della ricorrenza e il programma delle manifestazioni; serviranno a riaffermare e difendere il ruolo che la” cittadina borbonica” ha svolto nel percorso che portò all’Unità dItalia.

MILANO – Civitella del Tronto, ultima roccaforte borbonica a piegarsi “all’invasore piemontese”, riveste un ruolo importante nel percorso verso l’Unità d’Italia, ruolo che le è stato riconosciuto con l’inserimento tra  i 35 comuni italiani che ospiteranno le celebrazioni in occasione dei 150 anni della stessa.

Il Comitato per la celebrazione dei 150 anni ha presentato alla Bit di Milano il logo della ricorrenza e il programma dei festeggiamenti , che partiranno dal prossimo giugno 2010 per concludersi nel novembre 2011. Due anni circa di manifestazioni e celebrazioni che, nelle intenzione del Comitato, faranno di Civitella del Tronto un punto di attrattiva sia dal punto di vista culturale che turistico-storico.

L’inserimento di Civitella del Tronto, ultimo dei comuni ad entrare nel neonato Stato italiano come ha ricordato il professor Italo Di Dalmazio presidente del Comitato, tra i comuni promotori dei festeggiamenti è stato concluso grazie all’interessamento dell’Anci che nella figura del suo presidente e sindaco di Torino, Sergio Chiamparino, ha concluso un primo importante gemellaggio proprio con il comune di Torino. La “piena adesione alla manifestazione e al programma proposto dal Comitato e dall’amministrazione comunale di Civitella”, sono state garantite dall’assessore alla Cultura e Turismo che ha partecipato alla conferenza stampa alla Bit.

Ha detto l’assessore:

Si tratta di un progetto ambizioso e la Regione ha capito l’importanza e l’impatto dell’iniziativa che non a caso può godere di un’ampia platea istituzionale che dà il senso della comunanza d’intenti che la comunità abruzzese riesce ad esprimere.

Proprio al sindaco di Civitella del Tronto e al presidente del Comitato, l’assessore al Turismo ha detto:

il governo, tramite la figura del Sottosegretario Gianni Letta, ha mostrato l’intenzione di appoggiare l’adesione del comune di Civitella del Tronto al programma nazionale in occasione dei 150 anni dell’Unità d’Italia. Un via libera che lascia ben sperare per la riuscita delle celebrazioni.