Pescara, Digital Borgo: domani la presentazione delle nuove aziende

Digital BorgoChiude la prima fase del programma di incubazione promossa dal contratto di rete di imprese digitali e start up innovative

PESCARA – Martedì 28 Ottobre 2014, alle ore 18.00, presso la Sala Tosti dell’Aurum di Pescara Digital Borgo presenterà  alle istituzioni ed alla stampa  i progetti delle 9 start up incubate. Le  nuove imprese sono: Distribuisco.it, Revaluebox, Artigiani 2.0, AbruzzoBus, The Velvet Room – Italian Tailored Luxury, VIXIV, Digital Sales, Sportaround, Mintadvertising. A presentarle sarano Marco Blasioli e Andrea Risa, rispettivamente presidente e direttore generale di Digital Borgo, l’incubatore all’interno dell’ex liquorificio e che proprio giovedì scorso, su invito della commissione Commercio e Politiche del lavoro del Consiglio comunale, hanno tracciato un primo bilancio della propria attività.

“Creare, motivare, assistere e lavorare con i 10 team entrati nel nostro programma di incubazione è stata un’avventura non ordinaria, che ha segnato un momento di forte discontinuità con le tradizionali attività legate al business del settore ICT”, spiegano i due rappresentanti di Digital Borgo. Con loro, a presentare le nuove aziende nate a Pescara, ci saranno l’assessore Giacomo Cuzzi, il presidente della commissione Commercio e Politiche del lavoro Piero Giampietro, il vicepresidente del Consiglio comunale Eugenio Seccia, il direttore regionale di Cna Graziano Di Costanzo, i rappresentanti del servizio Placement e Osservatorio delle competenze professionali dell’università D’Annunzio Luca Di Bartolomeo e Giovina Assetta.

“L’incubatore Digital Borgo – spiegano Blasioli e Risa – si prefigge il compito di allontanare lo scetticismo di come si possa fare impresa, trovando una sostenibilità economica, in un settore in cui la disponibilità a pagare è impalpabile, la domanda deve essere sollecitata, l’offerta è percepita come già ampia. Gli strumenti usati per combattere lo scetticismo sono stati le esperienze, il lavoro sui modelli di business e sulle fonti di ricavo, la riprogettazione dei servizi, i test in condizioni reali e le simulazioni”.