Pescara, parcheggio selvaggio: controlli e multe

PESCARA – Il sindaco di Pescara Luigi Albore Mascia e l’assessore alla Mobilità del Comune di Pescara Berardino Fiorilli tracciando un bilancio dei controlli  effettuati ieri nel capoluogo adriatico ,hanno reso noto che sono state comminate centocinquanta sanzioni  soprattutto sulla riviera nord e lungo le strade limitrofe, come via Nicola Fabrizi e viale Kennedy, per la sosta selvaggia, e 15 auto  sono state rimosse.Viaggia a gonfie vele il parcheggio sulla strada-parco, dove  è stato registrato il tutto esaurito con l’accesso di mille auto. Per la sosta si paga 2,50 euro per l’intera giornata e il provvedimento riguarda tutto l’asse, dall’incrocio con via Leopoldo Muzii sino al confine con Montesilvano, con percorrenza a senso unico in direzione sud-nord alla velocità di 10 chilometri orari. E l’asse continuerà a restare aperto tutti i giorni per l’ultima settimana.

Ha specificato il sindaco:

obiettivo dell’amministrazione comunale  è quello di dare servizi alla città, ossia, nel caso specifico, di garantire la disponibilità di soluzioni per consentire a residenti e turisti di fruire della nostra spiaggia, del nostro litorale e delle attività economiche che si trovano dislocate sulla riviera e che rappresentano la nostra ricchezza. Sicuramente il nostro programma di governo punta a incentivare, quanto più possibile, l’uso del mezzo pubblico e del mezzo comunque alternativo all’auto privata, come la bicicletta, e lo dimostrano l’istituzione di un servizio ad hoc di trasporto pubblico sulla spiaggia così come la realizzazione dei nuovi tratti di pista ciclabile in città, sul lungomare come in via Volta. Tuttavia tale politica non può comunque ignorare la necessità attuale e odierna di far fronte alla richiesta di aree di sosta proveniente soprattutto da quell’utenza che viene nelle nostre spiagge dalle zone interne della provincia, o anche da fuori regione, un’utenza che difficilmente potrebbe raggiungere Pescara in bicicletta. Per tale ragione, da sei settimane, abbiamo deciso di ripetere l’esperienza dell’estate del 2011, un’esperienza di successo, che ci ha permesso di garantire una boccata d’ossigeno alle migliaia di fruitori del nostro litorale consentendo l’utilizzo dell’ex tracciato ferroviario.

Lungo l’ex tracciato ferroviario – ha detto l’assessore Fiorilli scendendo nei dettagli tecnici – oggi abbiamo registrato la presenza di mille vetture sui mille posti auto disponibili, dunque il tutto esaurito. Peccato per i 165 automobilisti che comunque hanno scelto la sosta selvaggia anziché pagare appena 2,50 euro per la sosta dell’intera giornata: 150 le vetture sanzionate per divieto di sosta, 15 i veicoli rimossi perché lasciati in posizione di pericolo rispetto alla circolazione viaria o dinanzi ai passi carrabili. Intanto il parcheggio temporaneo sull’ex tracciato ferroviario sarà aperto ancora tutti i giorni sino al 25 agosto compreso per l’ultima settimana. Con gli uffici tecnici abbiamo individuato cinque punti di ingresso e diviso in cinque tranche l’asse: da via Leopoldo Muzii a via del Milite Ignoto; da via del Milite Ignoto a via Cavour; da via Cavour a via Cadorna; da via Cadorna a via Ruggero Settimo; da via Ruggero Settimo al confine con Montesilvano. La strada-parco non diventerà un asse di scorrimento, ma sarà solo una via per raggiungere il primo posto auto utile, in caso contrario lo stesso automobilista sarà invitato a uscire e a reimmettersi nel traffico urbano attraverso la riviera.

Pescara, parcheggio selvaggio: controlli e multe ultima modifica: 2013-08-19T12:45:34+00:00 da Redazione