Pescara senz’auto: domenica 7 marzo si replica

PESCARA – Domani , domenica 7 marzo, seconda giornata ecologica , potremo riappropiarci della nostra città e riscoprire il piacere di una passeggiata a piedi o la soddisfazione di spostarci con la bici lungo strade più vivibili e  a misura d’uomo in quanto sgombre da auto. Se le polveri sottili non vorranno abbandonarci nonostante il blocco del traffico ,   almeno le nostre orecchie  potranno riposare per un pò e riassaporare il gusto di ascoltare le voci della città  e dei suoi abitanti. A prescindere dunque dalla utilità delle domeniche senz’auto a contenere lo smog  , sicuramente trarremo giovamento da un pò di attività fisica, dalla condivisione della stessa con altri e da una maggiore socializzazione con i nostri concittadini

Domani l’iniziativa del Comune  coinvolgerà un’ampia fetta del quartiere Porta Nuova, dallo stadio a Fontanelle a via Sacco, a testimonianza della forte presa di posizione della nuova amministrazione comunale di Pescara contro l’inquinamento atmosferico  con l’adesione alla campagna lanciata dai sindaci di Milano, Letizia Moratti, e Torino Sergio Chiamparino.

L’assessore alla Mobilità del Comune di Pescara Berardino Fiorilli nel corso della conferenza stampa convocata, ieri, per presentare la seconda giornata di ‘Pescara senz’auto’ alla presenza dei responsabili dell’ufficio tecnico e di Enrico Di Brigida, consigliere Udc della Circoscrizione Porta Nuova ha ribadito:

Un’iniziativa con la quale non ci illudiamo certo di abbattere i livelli di inquinamento atmosferico, ma piuttosto vogliamo sensibilizzare i pescaresi, consentire loro di scoprire una città più vivibile senza migliaia di auto sulle nostre strade.

L’esperienza registrata domenica scorsa, 28 febbraio, è stata di grande successo e soprattutto abbiamo registrato l’enorme sensibilità e la maturità dei cittadini che hanno apprezzato l’iniziativa, hanno partecipato rispettando l’area chiusa alle auto, senza violare quei 160 varchi istituiti dall’amministrazione comunale. Una partecipazione e una maturità che siamo certi registreremo anche domenica prossima a Porta Nuova dove di nuovo, dalle 9 alle 17, chiuderemo ai veicoli un’ampia fetta del territorio.

Il blocco del traffico interesserà tutta l’area compresa tra viale Primo Vere, a partire dal confine con Francavilla al Mare, via Papa Giovanni XXIII, lungomare Cristoforo Colombo, via Andrea Doria, via Marco Polo, via Marconi, via Conte di Ruvo, via da Brescia, via Aterno, via Saline, via Tiburtina, via Aterno, via Raiale, Strada Vicinale Torretta, via Lago di Chiusi, via Ombrone, via Breviglieri, di nuovo via Tiburtina, via Fontanelle, via Tirino, strada della Bonifica, via Antonelli, via Nazionale Adriatica sud, sino a toccare di nuovo il confine con Francavilla al Mare. Resteranno dunque chiuse alle auto strade come via Aldo Moro, via Sacco,  via D’Avalos, via Marconi e via Benedetto Croce. All’interno dell’isola – ha proseguito l’assessore Fiorilli – abbiamo previsto tre anelli ugualmente aperti alle auto utili per facilitare i collegamenti: il primo anello è stato individuato tra via Marco Polo-viale Marconi-via da Vestea-piazza della Marina; il secondo anello tra via Conte di Ruvo-via Da Brescia-via Vittoria Colonna-viale D’Annunzio; il terzo anello tra via Lago di Campotosto-via Aterno-via Saline-via Tiburtina. Infine, anche in questo caso, abbiamo previsto un unico grande asse che sarà transitabile dalle auto come ‘valvola di sfogo’, ossia via Celommi, via Luisa D’Annunzio, viale della Pineta, via Marconi, viale Pepe, l’antistadio (per accedere al parcheggio dello stadio), via Elettra, viale Pindaro, via San Francesco (per accedere al parcheggio del Tribunale), via Lo Feudo e via Alento.

Previste anche per domenica prossima alcune deroghe: nonostante i divieti potranno transitare i mezzi della Forza pubblica e i veicoli di soccorso; le vetture a emissione nulla, auto elettriche e ibride, a metano, Gpl o bifuel; i mezzi adibiti al trasporto pubblico collettivo, ossia bus e taxi; le auto al servizio di persone invalide munite di contrassegno, o veicoli utilizzati per il trasporto di persone sottoposte a terapie indispensabili e indifferibili, in grado di esibire la relativa certificazione medica, o ancora veicoli di familiari che assistono parenti malati; auto di Enti locali di Stato, Aziende e degli Enti di servizio pubblico solo per emergenze; autoveicoli di cortei e cerimonie religiose preventivamente segnalati al Comando della Polizia municipale; vetture di personale sanitario in servizio di reperibilità o di assistenti domiciliari di associazioni socio-sanitarie-assistenziali che prestino servizio per singoli; veicoli utilizzati da farmacisti con turno di apertura nella giornata; e ancora mezzi per il trasporto di pasti per il rifornimento di mense ospedaliere, case di riposo per anziani o strutture sanitarie e assistenziali; veicoli di lavoratori che stanno rispondendo a chiamata di reperibilità, o di imprese che eseguono lavori urgenti per conto del Comune; mezzi di clienti muniti della prenotazione o della ricevuta alberghiera, limitatamente al percorso tra l’albergo e i confini della città; infine i veicoli utilizzati per la consegna a domicilio per fiorai, ristoratori e pasticceri e per il trasporto di merci deperibili.

Ha proseguito Fiorilli:

A quegli utenti che rientrano tra le categorie citate  chiediamo di esporre sul parabrezza della propria vettura i certificati o copie del libretto di circolazione che attestino il diritto alla deroga, per facilitare i controlli della Polizia municipale che saranno serrati. Ovviamente in caso di maltempo, che renderebbe inutile l’iniziativa, i vigili urbani potranno disporre la sospensione della limitazione al traffico.

Confermati, inoltre, i due bus-navetta gratis per i passeggeri messi a disposizione dalla Gestione Trasporti Metropolitani: il primo effettuerà le proprie corse dalle 9 alle 18, con partenze ogni venti minuti da piazza della Repubblica per poi percorrere corso Vittorio Emanuele, ponte Risorgimento, viale Marconi, viale Pepe e antistadio; il secondo partirà da piazza della Repubblica percorrendo corso Vittorio Emanuele, ponte Risorgimento, viale Marconi, via Conte di Ruvo, via Tiburtina sino alla zona aeroporto-Auchan. E gli utenti potranno far ricorso per i propri spostamenti anche ai taxi del Cotape che garantiranno collegamenti sul territorio urbano al prezzo minimo di 7 euro, mentre Polizia municipale e Protezione civile assicureranno di nuovo il controllo di tutti i varchi.

Ha ribadito l’assessore:

Sicuramente  non ci aspettiamo effetti ‘miracolosi’ da tali chiusure, che puntano soprattutto a proporre una vivibilità diversa ai nostri cittadini, mentre l’amministrazione comunale ha confermato il proprio impegno nella realizzazione tempestiva di opere infrastrutturali, capaci di decongestionare realmente la viabilità cittadina.

Ha aggiunto il consigliere Di Brigida:

La giornata di domenica  sarà anche l’occasione per scoprire le risorse e le peculiarità del quartiere Porta Nuova, dalla Pineta dannunziana al parco della Caserma di Cocco, che resteranno aperti per gli utenti.

Pescara senz’auto: domenica 7 marzo si replica ultima modifica: 2010-03-06T18:35:41+00:00 da Donatella Di Biase