L’Aquila: diventa sempre più strategica per ZTE Italia

L’Aquila: diventa sempre più strategica per ZTE ItaliaL’AQUILA – “L’inaugurazione del nostro Centro di Ricerca e Innovazione è solo il primo passo. L’Aquila diventerà ancora più strategica per ZTE in Italia”. Lo afferma Hu Kun, Ceo di ZTE Italia e Presidente Western Europe della multinazionale cinese.

“ZTE – aggiunge – è molto soddisfatta dell’apertura del Centro, che è la testimonianza della nostra volontà di rimanere in Italia a lungo termine. La nostra ambizione è di dimostrare alla comunità che cosa significa il 5G per le persone e per le industrie. Un cambiamento storico, direi epocale, di cui noi siamo orgogliosi di essere il portatore e il realizzatore”.

“Come pianificato – sottolinea Hu Kun – ZTE lavorerà fianco a fianco con i suoi partner, incluse le università, i produttori di chipset, le istituzioni per la ricerca e per i test sui differenti casi di utilizzo del 5G. Essendo uno dei principali provider nel settore delle comunicazioni del mondo, organizzeremo un laboratorio con l’equipaggiamento completo per l’end-to-end del 5G, tra cui la Ran, Core network, Backhaul e i terminali”.

“La nostra nuova tecnologia – spiega il top manager – è ancora più sicura di quella attualmente esistente. Con i nostri partner, miglioreremo anche la sicurezza delle reti, a tutto vantaggio confronti del possessore finale. Siamo dunque ben disposti nei confronti di qualsiasi contributo da parte degli stakeholder Italiani su questo progetto a L’Aquila e siamo orgogliosi di avere avviato la sperimentazione voluta dal Ministero dello Sviluppo Economico”.

“L’Italia è un Paese strategico per ZTE – sottolinea Hu Kun – e per questo dovrà, giorno dopo giorno, diventare l’hub Europeo. Un paese dove le soluzioni di connessione offerte sono completamente in linea con i più alti standard”.

“Nei prossimi mesi, affronteremo nuove affascinanti ed emozionanti sfide che daranno il via a nuove oppurtunità di lavoro ai talenti Italiani”.

L’Aquila: diventa sempre più strategica per ZTE Italia ultima modifica: 2018-02-13T11:36:53+00:00 da Redazione