Cus Chieti-Saces Dike Napoli 48-40: vale ancora la legge del Palazzetto di Colle dell’Ara

CHIETI – Il Cus Chieti impone ancora una volta la legge del Palazzetto di Colle dell’Ara e batte la Saces Dike Napoli. La squadra campana è incappata in una brutta giornata al tiro ed è stata alla fine piegata dalle neroverdi, più precise nei momenti topici del match.

Parte benissimo la Saces con un’ottima Pavel che infila subito una tripla e cattura rimbalzi a ripetizione. Un bel lancio della Tognalini lancia in contropiede al 7? Olheim che va a canestro per il parziale 4-5. Ma la Pavel è sempre pronta e infila due liberi (4-9). Tognalini trasforma i due punti  del 6-11 al 5? ma è sempre Pavel che costringe al suo secondo fallo una poco lucida Gatti pochi secondi dopo (esce sostituita da David). La Saces è rocciosa in difesa e precisa in attacco in questa fase della partita ed il Cus è costretto costantemente ad inseguire. A 2?? dal termine  bel canestro della Olheim che fissa il punteggio sull’11-15 di fine quarto.

Pavel sembra imprendibile (fino quel momento ben 7 punti) e dunque Caboni deve correre ai ripari. Il coach neroverde decide di giocare con due lunghe insieme (Gatti e David) e la mossa si rivela azzeccata perché nella seconda frazione la situazione cambia.

La Saces cala infatti vertiginosamente e per molti minuti non riesce a segnare neanche un canestro, di contro il Cus comincia a macinare punti su punti ed al 4? c’è il primo sorpasso della gara con David (16-15). Tognalini colpisce con uno spettacolare canestro da due per il 20-15: da evidenziare il parziale di 9-0 messo a segno dalle teatine. Ad 1?? dal termine arriva il terzo fallo della Gatti che manda in lunetta Zerella (1/2) e si va all’intervallo lungo sul 20-17 per il Cus Chieti. Decisamente da record negativo i soli due punti messi a segno dalla Saces in questa seconda frazione.

Nel terzo quarto De Luca orchestra bene il gioco e Tognalini va in doppia cifra (4 punti consecutivi dopo 1?40??). Olheim in sospensione segna il canestro del 27-18, ma poco dopo viene fischiato il quarto fallo a Chiara De Luca. È il turno della Zanella che entra subito nel match segnando prima un canestro da due e poi una tripla che scalda il pubblico (34-23). A un minuto dalla fine del terzo tempo un brutto infortunio priva la Saces della Pavel. Si va all’ultimo quarto sul punteggio di 34-26 per le padrone di casa. Continua intanto la brutta percentuale al tiro per le campane.

Nell’ultima frazione la Saces rialza la testa lottando punto a punto e portandosi addirittura a -4 con Bocchetti che ai liberi fa 1/2 e porta il punteggio sul 37-33. De Luca rimette però subito in chiaro le cose rubando un pallone e andando in solitario contropiede a canestro .

Con la Saces ormai in bonus si susseguono le possibilità per il Cus di allungare e a 46?? dal termine è Gatti a subire fallo in difesa e trasformare 1/2 dalla lunetta portando il punteggio sul 45-37.

Una bomba della Zerella mette paura alle cussine (45-40), ma subito Olheim trasforma un libero su due (46-40). A 4?? è Silva che prende un prezioso rimbalzo in difesa subendo fallo: segna entrambi i liberi chiudendo così il match sul 48-40 a favore delle neroverdi.

INTERVISTE POST PARTITA:

Maria Zanella: Il mio compito era di dare respiro a Chiara De Luca (unico nostro play disponibile per la partita), quando sono entrata ho provato a dare il massimo e ci sono riuscita bene. La Saces è una squadra tosta fisicamente, molto ostica da affrontare. Ci serviva questa vittoria. Ora dobbiamo essere pronte fisicamente ma soprattutto mentalmente perché abbiamo tre partite in otto giorno. Entriamo nella fase clou del campionato: nel recupero giocheremo contro La Spezia e sarà decisiva per ottenere la migliore posizione possibile nella griglia di partenza dei playoff”.

Federica Tognalini:  “Loro giocano una pallacanestro molto intensa, corrono molto, sono toste in difesa e questo ci ha tolto i giri del gioco, visto che siamo abituate a fare un basket più tranquillo e lucido. Abbiamo perso troppi palloni e concesso molti contropiede, però è arrivata la vittoria. Forse per noi c’è stata una marcia in più, contando anche che ci mancava Gonzalez che sicuramente è il nostro punto di riferimento offensivo nonché il play titolare. Napoli ha fatto pressing per quaranta minuti, cambiando ogni tipo di difesa, è stata durissima. Ora bisogna concentrare le energie in vista di questi prossimi tre impegni in soli otto giorni. Poi arriverà la pausa di pasqua che servirà per riposarci, adesso è il momento di concentrare le energie”.

TABELLINO:

Cus ChietiSaces Dike Napoli 4840 (11-15, 20-17, 34-26)

Cus Chieti: Marino M. NE , De Luca C. 3 , Iannucci F. NE , Zanella M. 7 , Tognalini F. 17 , Olheim J. 9 , Silva E. 7 , Gonzalez D. NE , Gatti V. 2 , David N. 3 , All. Caboni Giuseppe

Saces Dike Napoli: Bove E. 5 , Orazzo M. 3 , Cupido R. 4 , Scala F. NE , Miccio L. , Bocchetti S. 6 , Gemini L. NE , Fedele F. NE , Zerella F. 11 , Pavel E. 11 , All. D’Albero Antonio

Arbitri:Marco Pierantozzi, Alessio Dionisi

Note:  Cus Chieti tiri liberi 12/20 (60%), Saces Dike Napoli tiri liberi 18/25 (72%),

Cus Chieti-Saces Dike Napoli 48-40: vale ancora la legge del Palazzetto di Colle dell’Ara ultima modifica: 2012-03-21T11:31:29+00:00 da Piero Vittoria