Città Sant’Angelo Village: Sit-in dei dipendenti

«Necessario accelerare i tempi della nuova legge regionale». Martedì una delegazione in Consiglio.

CITTA’ SANT’ANGELO – Quasi duecento dipendenti del Città Sant’Angelo Village e i loro famigliari si sono riuniti ieri mattina in un sit-in spontaneo in occasione della prima domenica di chiusura del company store, per sensibilizzare l’opinione politica sulle esigenze del Village.

Con cartelloni e striscioni dimostrativi hanno sollecitato l’accelerazione dell’iter politico di una nuova legge regionale, secondo la quale la scelta dell’apertura domenicale sia appannaggio dei sindaci dei Comuni di appartenenza.

È forte la preoccupazione del personale per i danni all’immagine del Village provocati dal disagio della chiusura domenicale: per difenderla e per tutelare il loro posto di lavoro stamane si sono raccolti spontaneamente davanti ai tre ingressi, cercando di ridurre l’impatto negativo di una chiusura che se ripetuta sarà deleteria.
Solo i loro sorrisi e le mimose offerte hanno potuto rabbonire i visitatori giunti anche da Avezzano, L’Aquila, Isernia, Campobasso, Osimo, Foggia, Civitanova Marche, Ancona, Brindisi (come testimoniano le oltre 700 firme raccolte nella prime due ore di affluenza), invitandoli a tornare la prossima settimana.

Queste le parole dei dipendenti nell’incontro con la stampa che si è tenuto ieri mattina:

Vogliamo sapere perché dobbiamo restare chiusi la domenica, in controtendenza con i company store delle altre regioni italiane. A chi diamo fastidio? Siamo una risorsa per il turismo e l’economia dell’Abruzzo intero. La caratteristica intrinseca di una realtà come questa è l’offerta dei suoi servizi anche la domenica, giornata fondamentale per la vita di un company store, e in cui si concentrano circa la metà del fatturato e un’affluenza minima di 15mila persone. L’80% di noi è costituito da donne, molte delle quali sono sotto i 30 anni. Alcune di noi hanno anche una famiglia da mantenere. Abbiamo il diritto di lavorare, non abbiamo mai chiesto di restare a casa la domenica.

Anche l’amministrazione comunale di Città Sant’Angelo, presente all’incontro di stamane in una delegazione di assessori e consiglieri, ha espresso la sua vicinanza ai dipendenti del Village, assicurando di fare il possibile per accelerare i tempi politici.

Queste le conclusioni dei dipendenti:

Se il consiglio regionale che si riunirà martedì 9 marzo non assicurerà la continuità della fruibilità del Village i primi a smettere di lavorare saranno molti dei quasi 100 dipendenti part time che intervengono il fine settimana e che costituiscono il 30% della forza di lavoro, non impiegabile se fosse imposta la chiusura di domenica. Tra questi dipendenti part time, molti sono universitari che con questo lavoro si mantengono agli studi.

La voce dei dipendenti non si spegnerà presto: martedì una delegazione si recherà a L’Aquila per seguire da vicino il consiglio regionale. La mobilitazione non verrà meno fino a quando non si troverà una soluzione a questo problema.

Città Sant’Angelo Village: Sit-in dei dipendenti ultima modifica: 2010-03-08T09:52:18+00:00 da Direttore