Home » Sport » Calcio » Serie B » Brescia-Pescara 3-0: Caracciolo suona la carica, delfino ko

Brescia-Pescara 3-0: Caracciolo suona la carica, delfino ko

di Direttore

tifosi-del-PescaraL’ingresso del bomber delle rondinelle nella ripresa cambia volto ad una partita ancorata sullo 0-0

BRESCIA – Brutta battuta d’arresto per il Delfino che viene travolto al Rigamonti dal Brescia. Dopo un primo tempo equilibrato e con poche emozioni, decisivo l’ingresso nella ripresa di Caracciolo che, seppur non in perfette condizioni fisiche, è riuscito a fare la differenza. Sua la firma che sblocca il match e che rigenera una squadra che in 15 minuti sferra tre colpi mortali ai biancazzurri. Pregevole rete del 2-0 di De Cesere, quindi è Valotti a chiudere il match con il Pescara pericoloso solo nel finale con Brugman.

COSÍ IN CAMPO – Iaconi deve rinunciare a Benali per squalifica mentre Cragno e Mori sono indisponibili. 3-5-2 con Paci, Budel e Di Cesare in difesa; Ntow, Grossi, Oliveira, Finazzi e Zambelli sulla linea mediana; in avanti Sodihna e Corvia con Caracciolo che non in perfette condizioni fisiche parte della panchina. Risponde Cosmi con un modulo speculare: tra i pali Belardi vista l’indisponibilità di Pelizzoli; sulla linea difensiva Bocchetti, Zauri e Cosic con Schiavi ancora out; a centrocampo esterni Balzano e Ragusa mentre viene confermato Mascara con Brugman e Zuparic mentre in avanti Caprari affianca Sforzini, preferito ancora una volta a Maniero.

POCHE EMOZIONI GIOCO CHE RISTAGNA A CENTROCAMPO – Gara che sin dalle prime battute non offre grossi spunti di cronaca con le due squadre attente più a non prenderle e con grande densità a centrocampo. Al 7′ tiro dalla distanza della destra di Ragusa con Arcari che non corre rischi e devia in angolo la palla indirizzata sotto l’incrocio dei pali e due minuti dopo conclusione da fuori area di Ragusa in diagonale, ma sul primo palo è attento Arcari a bloccare a terra. Dopo una prima fase di gioco più di marca pescarese, con il passare dei minuti sono i padroni di casa a prendere le misure e a creare i presupposti per mettere in difficoltà la difesa del Delfino. Tuttavia l’unico pericolo arriva al 25′ su punizione dai 30 metri in posizione centrale di destro di Oliveira, ma Belardi è bravo a distendersi sulla sua sinistra e a deviare in angolo. Sul successivo corner Paci di testa non inquadra lo specchio della porta. Alla mezz’ora Caprari in area per Sforzini che conclude sull’esterno della rete ben controllato da Budel.

ESORDIO PER SVEDKAUKAS, CHE CHANCE PER ZAMBELLI – Dal 38′ in campo Svedkaukas per Belardi che è dovuto uscire per problemi muscolari. Al 44′ percussione centrale di Grossi che all’altezza del limite dell’area serve sulla destra Corvia che prova in diagonale a superare l’estremo difensore biancazzurro che è attento a bloccare sul primo palo. Al 46′ dalla sinistra Ntow dal fondo serve un ottimo pallone a centroarea per Zambelli che inciampa sul pallone al momento della conclusione.

CARACCIOLO SUBITO PERICOLOSO – Nessuna variazione tattica e di uomini in avvio di ripresa. Al 6′ apertura di Sodihna in area per Grossi che conclude direttamente in curva, fallendo una buona palla gol. All’8 per Corvia in campo Caracciolo che dopo pochi istanti ha una buona chance in area con un diagonale che viene deviato con il braccio da Zauri e con la squadra di casa che ha reclamato invano il calcio di rigore. Iaconi prova a dare nuova linfa al centrocampo con l’inserimento di Scaglia per Grossi. La contromossa di Cosmi con Politano per Caprari, ma nessuna variazione nel modulo.

IMPLACABILE L’AIRONE DAL DISCHETTO – Al 22′ rigore per il Brescia con Ragusa che frana su Caracciolo appena dentro l’area di rigore: nell’occasione buon tempismo di Oliveira che all’altezza dell’area di rigore anticipa tutti servendo di precisione la punta di casa. Trasformazione perfetta (la sua 106esima con la stessa maglia) per il bomber delle rondinelle che conclude di potenza a mezz’altezza alla destra del portiere del Pescara. Cosmi prova l’ultima carta in Maniero per Mascara con Politano che retrocede nel ruolo di esterno di sinistra e con Maniero che affianca in avanti Sforzini.

DI CESARE-VALOTTI, IL BRESCIA DILAGA – Al 32′ diagonale dalla sinistra di Caracciolo carico di effetto con Valotti che a due passi dalla linea di porta non arriva sul pallone che sfiora il palo alla sinistra di Svedkaukas. Raddoppio del Brescia al 34′ con una conclusione a giro di destro dal limite dell’area di Di Cesare con palla che si insacca sotto l’incrocio dei pali alla sinistra del giovane portiere lituano. Padroni di casa in perfetto controllo del match: al 37′ ci prova anche Scaglia dal limite, ma il suo sinistro finisce sull’esterno della rete. Al 39′ arriva il tris di Valotti che ben servito in profondità da Finazzi conclude in diagonale molto preciso che non da scampo al portiere biancazzurro. Il Pescara prova al 41′ con una punizione di Brugman a rendersi pericoloso, ma Arcari è agile a deviare in angolo il pallone indirizzato verso il suo palo più vicino.  Al 46′ ancora Brugman dal limite a concludere di precisione questa volta sull’altro palo, ma Arcari si supera nuovamente deviando in corner. Al 48′ ancora Caracciolo protagonista con un bolide centrale dal limite di Caracciolo con Svedkaukas che respinge e con Valotti che a porta vuota conclude sulla traversa.

TABELLINO:

BRESCIA (3-5-2): Arcari; Paci, Budel, Di Cesare; Ntow, Grossi (dal 17′ st Scaglia), Ruben Oliveira, Finazzi, Zambelli; Sodinha (dal 30′ st Valotti), Corvia (dall’8′ st Caracciolo). A disposizione: Freddi, Juan Antonio, Lasik, Minelli, Mandorlini, Coletti. Allenatore Ivo Iaconi.

PESCARA (3-5-2): Belardi (dal 38′ pt Svedkaukas); Bocchetti, Zauri, Cosic; Balzano, Zuparic, Brugman, Mascara (dal 27′ st Maniero), Ragusa; Caprari (dal 20′ st Politano), Sforzini. A disposizione: Karkalis, Bovo, Rizzo, Nielsen, Di Francesco, Cutolo. Allenatore Serse Cosmi.

Arbitro: Gavillucci di Latina

Reti: 22′ st Caracciolo (rig.), 34′ st Di Cesare, 39′ st Valotti

Ammoniti: Mascara, Ntow, Sforzini

Recupero: 2 minuti nel primo tempo, 5 minuti nella ripresa.

Brescia-Pescara 3-0: Caracciolo suona la carica, delfino ko ultima modifica: 2014-04-05T16:53:47+00:00 da Direttore