Badante uccisa, l’arrestato non risponde e il difensore annuncia ricorso al riesame

AVEZZANO – “Si è avvalso della facoltà di non rispondere in quanto aveva già fornito agli inquirenti la sua versione dei fatti dichiarandosi estraneo all’accaduto”. Lo ha detto l’avvocato Paolo Frani, legale di fiducia del romeno di 52 anni accusato dell’omicidio di Iuliana Catalin Bucataru, romena 38enne, all’esito dell’interrogatorio di garanzia che si è svolto ieri in carcere ad Avezzano.

La donna era stata trovata esanime il 5 novembre scorso, in un’abitazione di Colli di Monte Bove, frazione di Carsoli dove prestava servizio ad un anziano come badante.

“Il prossimo passo – ha anticipato l’avvocato – sarà quello di impugnare l’ordinanza davanti al Tribunale del riesame dell’ Aquila”. In un primo momento, si era pensato a un incidente domestico. La donna morì due giorni dopo in ospedale. Solo dopo alcune testimonianze i carabinieri di Tagliacozzo hanno iniziato a seguire un’altra pista raccogliendo ulteriori elementi probatori.

Badante uccisa, l’arrestato non risponde e il difensore annuncia ricorso al riesame ultima modifica: 2018-02-13T21:58:27+00:00 da Redazione