Presentata a Pescara la BlowCar made in Italy

L’auto gonfiabile, con un particolare tessuto che ricopre la struttura in acciaio, ha   debuttato al Motor Show di Bologna, uscirà sul mercato nel 2012 e  concorrerà a promuovere e valorizzare l’immagine del  made in Italy
PESCARA –  Si è svolta ieri la  presentazione ufficiale a Pescara del prototipo della Blowcar, l’auto ‘gonfiabile’, che ha eliminato le lamiere riducendo il peso della vettura a vantaggio di spazio , confort e consumi ed uscirà sul mercato  dal dicembre 2012 nel segmento delle microbar. Il modello originale  è stato in mostra al Motor Show di Bologna 2011, attirando la curiosità dei visitatori grazie alla sua carrozzeria composta da strutture gonfiabili simili a quelle utilizzate per gli airbag delle auto, per le sonde spaziali o nella realizzazione degli scivoli d’emergenza degli aerei.

La Blowcar, presentata dall’architetto Di Camillo, offre  dunque un modello di auto  tecnologicamente avanzato che punta  sulla sicurezza e ull’innovazione, con una veste in tessuto-gomma, che elimina le vernici inquinanti, le lamiere.
Dunque una concept car portatrice di una tecnologia sino a oggi mai applicata al settore dell’automotive con una motorizzazione sia elettrica, sia endotermica che ibrida. Dal prossimo anno verrà prodotta nelle versioni BlowRoad, BlowEco e BlowCabrio con tre possibili personalizzazioni della Blow Chamelon, e con un prezzo che oscillerà tra gli 11mila e i 15mila euro.

Al debutto pescarese del mezzo, completamente made in Italy, evento promosso dal presidente della Fondazione PescarAbruzzo Nicola Mattoscio erano presenti il sindaco di Pescara Luigi Albore Mascia ,il vicepresidente della giunta regionale Alfredo Castiglione, il Presidente della Camera di Commercio di Pescara Daniele Becci e della Camera di Commercio di Chieti Silvio Di Lorenzo, il Presidente di Confindustria Abruzzo Mauro Angelucci, il Presidente di Confindustria Pescara Enrico Marramiero, il Presidente della Cna Fabrizio Di Costanzo, l’onorevole Pd Vittoria D’Incecco, il sindaco di Pianella Giorgio D’Ambrosio e l’assessore ai Lavori pubblici del Comune di Penne Napoletano, oltre al primario del reparto di Chirurgia Pediatrica dell’ospedale civile di Pescara Pierluigi Lelli Chiesa.

Il  sindaco Albore Mascia ha evidenziato che parte da Pescara la sperimentazione del nuovo veicolo BlowCar, opera nata dall’ingegno dell’architetto Dario Di Camillo ed ha elogiato la felice intuizione e lungimiranza della Fondazione PescarAbruzzo, assicurando che le  Istituzioni saranno certamente vicine al lancio e alla promozione del modello che,  ha catturato l’attenzione dei mercati cinese e brasiliano.

Ha detto ancora il sindaco :

ho seguito la nascita del progetto sin dalla sua fase embrionale  e onestamente mi rende orgoglioso come primo cittadino pensare al successo di un’iniziativa nata a Pescara, all’interno degli uffici della Fondazione in corso Umberto. Bene ha fatto il Presidente Mattoscio a coinvolgere tutte le attività imprenditoriali locali in un progetto che adotteremo moralmente e istituzionalmente. Le Istituzioni saranno infatti vicine a un’idea che potrebbe veicolare all’estero il marchio Abruzzo e il marchio Pescara, un passo fondamentale nel periodo di crisi che stiamo vivendo, ma che pure sono certo supereremo.

Ha detto il Presidente Mattoscio:

il Motor Show di Bologna  è stata la prima occasione per mostrare al grande pubblico il modello completamente italiano, nato da una partnership che ha visto il coinvolgimento anche di imprenditori locali per la costituzione di una società che con un capitale di 500mila euro porterà avanti il progetto di ricerca applicata per giungere alla produzione a tappeto.