Pescara: vertice per cessione aree delle Ferrovie italiane. Nuovi posti auto

Stipula entro un mese del Protocollo d’intesa tra Amministrazione comunale e Ferrovie dello stato per reperire aree da destinare a parcheggi.

PESCARA – Ieri si è svolto un vertice tra l’Assessore all’Urbanistica, Marcello Antonelli, l’ingegnere Luciano Frittelli, Direttore Territoriale di rete Ferrovie italiane e l’ingegnere Esposito responsabile locale, per avviare le procedure di stipula di un Protocollo d’intesa (entro un mese al massimo) con il quale Ferrovie dello stato cederà in comodato d’uso aree circostanti la Stazione Centrale destinate a parcheggi.

L’Assessore Antonelli ha annunciato che si ricaveranno 140 nuovi posti auto mentre si porteranno avanti altri due tavoli di concertazione per realizzare il terzo binario, che velocizzerà il collegamento tra Pescara Portanuova e Pescara Centrale e per riqualificare la stazione centrale e le aree limitrofe.

Ha inoltre spiegato:

La nuova amministrazione comunale ha il chiaro obiettivo di giungere alla riqualificazione rapida e tempestiva delle aree adiacenti gli scali ferroviari cittadini. Lo abbiamo detto chiaramente appena tre settimane fa in occasione dell’inaugurazione della nuova stazione di Porta Nuova, che ha rappresentato solo il primo passo di un’operazione che dovrà consentirci di avviare un lungo cammino con quella che rappresenta una realtà fondamentale per il nostro territorio, sia a livello urbanistico che di mobilità.

Le stesse Ferrovie hanno espresso la propria soddisfazione nella linea adottata dal nuovo governo: il nostro obiettivo è quello di risolvere quei problemi annosi sollevati da lungo tempo dalle Ferrovie e completamente ignorati dalla precedente amministrazione. Pescara oggi ha una posizione privilegiata perché, a differenza di quanto sta accadendo nel resto del paese, la società Ferrovie italiane vuole investire le proprie risorse sul capoluogo adriatico per potenziare le linee esistenti, una posizione ovviamente condivisa dal governo cittadino, il quale guarda in prospettiva e con interesse alla possibilità di dirottare su ferro buona parte del trasporto merci che oggi avviene su gomma, con evidenti vantaggi in termini di mobilità e di qualità ambientale.

Sono tre i tavoli di concertazione istituiti tra Comune e Ferrovie: il primo, relativo alla cessione in comodato d’uso delle aree circostanti e adiacenti la stazione centrale, tra cui via Bassani e i due tunnel verrà chiuso al massimo tra un mese. Il primo effetto, per l’amministrazione, sarà quello di poter disporre nell’immediato di ben 140 nuovi posti auto, quindi andremo ad asfaltare e sistemare l’impianto della pubblica illuminazione, sino ad arrivare a via Michelangelo, oggi terra di nessuno colpevolmente trascurata di anno in anno dal precedente governo comunale.

Nel frattempo proseguiranno il proprio iter anche gli altri due Tavoli di concertazione istituiti tra Comune e Ferrovie: il secondo dialogo istituzionale riguarda la realizzazione del terzo binario, spostato 10 metri verso il mare, che collegherà la stazione di Porta Nuova con quella centrale: il nuovo percorso eliminerà il ‘collo di bottiglia’ attuale nel tratto della linea Adriatica e sulla Pescara-Roma per razionalizzare, velocizzare e ottimizzare il collegamento ferroviario del trasporto regionale. A tal fine le Ferrovie avranno l’esigenza di realizzare una rampa sul lato sud, simile a quella già esistente a nord, che comunque ricadrà sulle loro aree.

Il terzo Tavolo di confronto vedrà coinvolta poi, oltre a RFI, anche Cento Stazioni e riguarderà la riqualificazione complessiva della stazione centrale e delle aree limitrofe.