Il Rock sanguigno dei Reverse Hole sabato al Loft di Spoltore

La band abruzzese, che ha pubblicato lo scorso febbraio l’album di debutto “Out of the Hole”, suonerà il 26 novembre anche al prestigioso Circolo degli Artisti a Roma

SPOLTORE (PE) – “Out of the Hole”, uscito lo scorso febbraio, è senza ombra di dubbio uno di quei dischi che ascolti una volta e ti accorgi di avere di fronte una band che sprizza rock da tutti i pori. I Reverse Hole sono la grande rivelazione musicale dell’anno: Loris Della Rocca (voce), Boney (chitarre e cori), Mr Dax (basso e cori), Fabio Fly (batteria) non fanno assolutamente rimpiangere i migliori esponenti di un certo stile americano (vedi Stone Temple Pilots, Alice in Chains, Incubus).

Energetici, graffianti e aggressivi, mettono il cuore e la passione nelle loro canzoni: ognuno dei componenti riversa in musica i propri gusti e questo mix di diversa provenienza regala un vero gioiello di rock sanguigno dal forte piglio internazionale. Si fatica a pensare che siano un gruppo abruzzese. L’album è stato autoprodotto: le sue carte vincenti? la voce di Loris (energia pura), le potenti e taglienti chitarre americanizzanti di Manuel (Boney) che ben si amalgano alla ritmiche possenti della batteria  di Fabio Fly e al basso ordinato e pungente al tempo stesso di Davide (Mr Dax).

I Reverse Hole sono reduci dalla vittoria di un importante festival che permetterà loro di realizzare un cd singolo ed un video: molto probabilmente la scelta cadrà su “Bloody Twins”, forse la canzone che meglio rappresenta lo spirito dell’intero album di debutto. Sabato prossimo saranno di scena al Loft di Spoltore: la serata è attesissima, anche perché ormai Boney e soci hanno una schiera di fedeli appassionati che li segue ad ogni esibizione live. Proprio la grande carica che esprimono dal vivo è la loro forza e li erge a voce migliore del nostro rock.

Un segno della popolarità raggiunta, ma soprattutto un’ottima occasione per farsi conoscere anche fuori dai nostri confini regionali, è rappresentata dalla serata che terranno il prossimo 26 novembre al Circolo degli Artisti a Roma, uno dei più prestigiosi locali italiani, in supporto ai Madame Lingerie. Anche lì non dovranno far altro che “essere i Reverse Hole” così non faticheranno a conquistare  anche l’esigente platea romana!

Abbiamo incontrato i ragazzi: nuovi progetti, sonorità ancora più ricercate sono all’orizzonte.

I Reverse Hole sono attesi da due appuntamenti importanti nei prossimi giorni: che tipo di concerto sarà, cosa si deve cioè aspettare il pubblico che ormai comincia a seguirvi costantemente?

R – “Il disco è uscito a febbraio scorso, nel frattempo abbiamo fatto molta esperienza, amalgamandoci sempre più, i live vanno ogni volta meglio, la gente risponde alla grande. Credo che il nostro punto di forza sia proprio suonare dal vivo: ciò che ci interessa è proprio regalare emozioni al pubblico. Suonare ci carica: è importante fare serate. Il mercato discografico oggi non attraversa un buon periodo, dunque il 90 % del lavoro che una band deve fare lo fa dal vivo”.

Sappiamo che avete pronti nuovi brani che state proponendo in concerto, prima ancora che vedano magari la luce su un futuro album. Come mai questa scelta?

R – “Lo facciamo un po’ per allungare la scaletta di una serata, ma anche per vedere la reazione di chi ci viene a vedere nei confronti dei nuovi pezzi. Abbiamo cercato sonorità e strutture diverse: tutto materiale che potrà eventualmente finire su un prossimo lavoro chissà!”.

Quanto sarà diverso andare a suonare a Roma, dove nessuno o per lo meno pochi vi conoscono?

R – “Roma è sicuramente una piazza diversa: sappiamo che ci conoscono meno, dovremo dare il nostro meglio sul palco e farci apprezzare per quello che siamo. Sarà una bella vetrina: un buon inizio per uscire fuori regione. Abbiamo recentemente vinto un festival, di fronte non al solito pubblico da pub: c’è stata una bella risposta. In seguito a questo concorso sarà prodotto un cd singolo in circa 300 copie, ovviamente tratto da “Out of the hole”(crediamo possa essere “Bloody twins”), in più gireremo un video”.

Questa vittoria vi darà ulteriore visibilità anche a livello mediatico …

R – “Sicuramente, visto che delle 300 copie 200 rimarranno a noi e le altre saranno fatte girare per le radio in modo da promozionare la canzone. Noi ci siamo autoprodotti il disco: grazie a questa operazione diminuiscono anche le spese per il gruppo, visto che riusciremo ad avere un video ed un singolo. È sempre una spinta in più”.

Come sarà realizzato il video?

R – “Noi proporremo un’idea al regista e poi nascerà tutto da lì”.

“Out of the Hole” ha avuto un grande impatto: sempre più gente si è avvicinata ai Reverse Hole. Cosa ci dobbiamo aspettare ora dalla vostra musica?

R – “Crediamo che ci segue si aspetti un’evoluzione della band, perché molto è cambiato rispetto a come scrivevamo all’inizio. Per i brani nuovi ad esempio Manuel usa il delay che sull’album non c’era. Le sonorità sono ora un po’ più fresche rispetto a prima. Non ci stiamo fossilizzando su quanto proposto nel disco, ma già nei prossimi live chi verrà ad ascoltarci ci troverà cresciuti. Cambiamento ma non stravolgimento nella composizione: questo anche a distanza di pochi concerti si vedrà. Ogni volta vogliamo che il pubblico abbia la curiosità di poter trovare qualcosa di nuovo in  ciò che faremo che in modo da non cadere nel monotono”.

Se doveste dare una definizione dei Reverse Hole?

R – “È un gruppo in continua ricerca di se stesso nel “buco” ed innovazione interna. Il nostro nome già dice tutto: “reverse” in inglese fra i tanti significati ha quello di “riversare”, dunque tutto entra nel mondo Reverse Hole e cerchiamo di buttarlo fuori. È un piccolo mondo. Non dobbiamo dimostrare niente a nessuno, ma solo fare ciò che ci piace con passione. Le cose vanno sempre meglio e siamo felici. Quando eravamo piccoli ci divertivamo a vedere i nostri artisti preferiti che sudavano su un palco. Ora siamo noi a vivere le stesse sensazioni: vedere che le persone conoscono i testi dei brani dell’album, è bellissimo!”.

Quali sono i progetti futuri dei Reverse Hole?

R – “Conquistare subito il mondo!”.