Fondi europei,domani conferenza-dibattito a Giulianova

FOTO sindaco F. MastromauroSi terrà in Sala Buozzi con l’europarlamentare Andrea Cozzolino e con il dirigente regionale Antonio Sorgi

GIULIANOVA (TE) – Lunedì 24 marzo, alle ore 17, si terrà in Sala “Buozzi” a Giulianova Alta una conferenza-dibattito su “L’Europa, fra opportunità e crescita. La programmazione del nuovo ciclo dei fondi europei 2014-2020” alla quale parteciperanno il parlamentare europeo Andrea Cozzolino ed il responsabile delle Politiche Legislative e Comunitarie della Regione Abruzzo Antonio Sorgi. Previsto anche l’intervento di un funzionario della Commissione europea che consentirà di comprendere meglio i punti più significativi della programmazione dei fondi europei 2014-2020.
“La programmazione 2014-2020 dei fondi europei – dichiara il sindaco Francesco Mastromauro – si apre in uno senario di gravissima crisi economica, finanziaria e sociale. Lo stato di profonda difficoltà in cui versano i territori fanno guardare alla programmazione del nuovo ciclo dei fondi europei come ad una straordinaria, forse unica opportunità per realizzare politiche per il rilancio del sistema produttivo, per l’incremento dell’occupazione, per il miglioramento della coesione sociale. Affinché l’Europa, le sue politiche e le opportunità che offre, venga avvertita come un formidabile strumento di crescita e di sviluppo, è necessario tuttavia che il territorio, in tutte le sue articolazioni, si presenti come un insieme coeso, volto a costruire percorsi e indicare obiettivi condivisi. Il Comune di Giulianova – prosegue Mastromauro – ha attivato l’11 gennaio scorso “Giulia.eu”, un ufficio dedicato alle Politiche Comunitarie, con l’obiettivo di favorire il progressivo avvicinamento del territorio all’Europa e alle sue opportunità. Un percorso che rende ineludibile la conoscenza e l’approfondimento delle tematiche connesse alla nuova programmazione dei fondi europei, e che deve condurre alla comprensione di quali debbano essere, in questa fase, il ruolo ed i compiti della Regione Abruzzo, dei Comuni e di tutti gli attori più significativi del territorio”.