Pescara, la vecchia cava sul lungofiume occupata da senzatetto e tossicodipendenti

PESCARA – La Destra  Federazione Provinciale di Pescara in un comunicato denuncia lo stato di degrado della vecchia cava sul lungofiume, nei pressi di Via Valle Roveto, dove delle abitazioni fatiscenti sono state occupate da senzatetto, alcuni di cittadinanza straniera e probabilmente extracomunitari. Si legge nel comunicato:

Trattandosi di luoghi in cui manca ogni forma di igiene e di sicurezza, è chiaro a tutti il pericolo che queste persone corrono nel bivaccare e dormire lì. Facciamo dunque appello a tutte le autorità competenti (Giunta comunale, Servizi sociali, Prefettura, Asl) affinchè venga trovata una più opportuna sistemazione per le persone in difficoltà. Speriamo di essere ascoltati in fretta; nel nostro paese spesso non si agisce in tempo e poi si ci stupisce che il soffitto di uno stabile in disuso crolli e che degli abusivi rimangano uccisi.

Rimarchiamo inoltre il potenziale pericolo, per i residenti della zona di Via Valle Roveto Via Gran Sasso e Via del Circuito, costituito dai numerosi balordi che vi circolano. La loro incolumità è messa in serio pericolo, specie ora che le giornate si accorciano e che le ore di buio aumentano. Chi si ferma al vicino distributore per fare rifornimento di carburante oppure i residenti che tornano a casa, potrebbero trovarsi di fronte a gente disposta a tutto per pochi soldi.

Pescara, la vecchia cava sul lungofiume occupata da senzatetto e tossicodipendenti ultima modifica: 2012-11-02T01:44:15+00:00 da Redazione