Convenzione urbanistica: nuovo schema

Previsti cambiamenti radicali con l’introduzione di norme più trasparenti.

PESCARA – L’assessore alla Gestione del Territorio Marcello Antonelli ,dopo che ieri pomeriggio la delibera sul nuovo schema di Convenzione Urbanistica  è approdata all’esame della seduta congiunta delle Commissioni Gestione del Territorio, presieduta da Gianni Santilli, e Lavori Pubblici, presieduta da Armando Foschi ha illustrato le nuove norme in materia.

Queste sono state introdotte dall’Autorità di Vigilanza e sono state prese in considerazione dal Comune di Pescara, che, primo in Abruzzo, ha deciso di farle proprie approvando il relativo Schema di Convenzione Urbanistica che sarà portato la prossima settimana in Consiglio comunale. Vi sarebbero  dunque cambiamenti radicali per i Piani Urbanistici esecutivi (Pue) e per i Piani attuativi del Comune di Pescara con l’introduzione di norme più trasparenti: d’ora in avanti le imprese private che proporranno tali interventi dovranno iniziare la realizzazione delle opere di urbanizzazione primaria (come strade e fogne) prima di aprire i cantieri per la costruzione di case o uffici.

Ma soprattutto gli Uffici comunali non rilasceranno l’agibilità degli appartamenti se prima non saranno state completate le stesse opere di urbanizzazione. Inoltre per la realizzazione di quegli interventi considerati a scomputo degli oneri concessori il privato dovrà attenersi alle stesse procedure valide per l’Ente pubblico, in altre parole non potrà più realizzarle personalmente, ma dovrà effettuare una regolare gara d’appalto.

Ha detto L’assessore Antonelli:

si  tratta di un documento assolutamente innovativo che, dopo anni, stravolge completamente la normativa sull’Urbanistica complessa, come i Pue e i Piani Attuativi , ferma al 1996, in merito alla disciplina relativa alla realizzazione delle opere di urbanizzazione primaria e di quota parte degli oneri relativi alle opere di urbanizzazione secondaria, come parcheggi o aree verdi.

Sino a oggi era prassi consentita che il soggetto privato che assumeva l’obbligo di realizzare quelle opere a scomputo totale o parziale degli oneri dovuti alla Pubblica amministrazione, realizzasse direttamente i lavori o li affidasse, senza seguire formalità o vincoli, a un’impresa di sua fiducia.

Una procedura che, oltre a essere stata messa in discussione dalla stessa Comunità europea, ha spesso dato vita a una vera ‘giungla’, facendo registrare, a livello locale, episodi di mancata o tardiva realizzazione delle opere di urbanizzazione rispetto alla tempistica dell’edificazione privata, creando anomalie, disagi e disservizi ai cittadini che talvolta si sono ritrovati a vivere in nuovi complessi edilizi senza strade asfaltate, con reti fognarie incomplete o senza le aree verdi promesse nei progetti.

Ha proseguito l’assessore:

a questo punto  la nuova amministrazione comunale di centro-destra ha ritenuto opportuno procedere con una riorganizzazione della disciplina adottando, primo Comune in Abruzzo, il nuovo schema di convenzione urbanistica che d’ora in avanti sottoporremo a tutti i privati che presenteranno una proposta di Pue o di Piano attuativo, una convenzione che fondamentalmente ha introdotto tre obblighi strategici che ci consentiranno di garantire trasparenza alle procedure utilizzate.

Innanzitutto il privato d’ora in avanti, per la realizzazione delle opere di urbanizzazione primaria o secondaria, sarà obbligato a utilizzare le stesse procedure previste per l’Ente pubblico, in altre parole non potrà più realizzare personalmente o tramite un’impresa di fiducia gli interventi previsti, ma dovrà procedere con una regolare gara: se i lavori sono opere sottosoglia potrà invitare quattro ditte, valutando l’offerta più vantaggiosa, o potrà adottare l’appalto integrato. Se l’importo dei lavori da realizzare è soprasoglia (ossia sopra i 5 milioni di euro), dovrà procedere con un bando pubblico. Tale procedure rappresentano anche una maggiore garanzia per l’amministrazione: se il privato deve infatti restituire, ad esempio, 100mila euro in opere pubbliche al Comune, la gara stessa non potrà essere inferiore a tale importo. Ovviamente l’amministrazione comunale conserverà il ruolo di controllore.

Non basta: nella nuova convenzione abbiamo previsto l’obbligo per il privato di iniziare la realizzazione delle opere di urbanizzazione, dunque le opere da cedere al pubblico, prima di aprire il cantiere per la parte dell’edilizia privata, dunque prima di iniziare a costruire palazzi o uffici, condizione ineludibile per ottenere il rilascio dei permessi a costruire. E per la realizzazione delle opere pubbliche, come fognature, percorsi pedonali e marciapiedi, strade veicolari, piste ciclabili, reti idriche per l’acqua potabile, le reti per la distribuzione del gas metano o l’energia elettrica o ancora la pubblica illuminazione e gli spazi di verde, ossia verde attrezzato, parco pubblico, verde per i giochi, con piantumazioni o meno, verranno fissati tempi di riconsegna precisi, che saranno di volta in volta riportati nella specifica convenzione, in altre parole non potremo trovarci dinanzi a ‘cantieri infiniti’, com’è spesso accaduto negli ultimi anni.

Ha detto ancora Antonelli:

infine , come ultimo obbligo abbiamo fissato che gli uffici comunali non rilasceranno i certificati di agibilità di appartamenti o abitazioni se prima non saranno state collaudate, con esito positivo, le opere pubbliche, una norma che di fatto ci tutela in merito ai tempi di conclusione degli interventi stessi .

Hanno aggiunto Santilli e Foschi:

quest’oggi  la delibera è stata illustrata ai commissari e lunedì prossimo daremo modo ai consiglieri di fare domande e presentare eventuali osservazioni, quindi passeremo al voto per portarla in Consiglio in tempo per consentire agli uffici di riavviare una serie di progetti di fatto bloccati da anni per l’incertezza della disciplina, paralizzando la stipula delle convenzioni e ritardando l’avvio anche di programmi urbanistici strategici per la ripresa del settore, tante volte sollecitata e auspicata dalle stesse organizzazioni di categoria.

Convenzione urbanistica: nuovo schema ultima modifica: 2010-03-17T11:07:53+00:00 da Donatella Di Biase