Concluso il progetto europeo “F@st-EU. The Future Appeal of Small Towns in Europe”

Sindaci insieme Si è svolto a Sant Esteve Sesrovires il convegno di chiusura, che ha visto i Comuni di Miglianico e Saint Esteve Sesrovires dibattere di Europa e di solidarietà continentale negli ultimi quattro fine-settimana

MIGLIANICO (CH) – Si è svolto in questo fine-settimana a Sant Esteve Sesrovires, Comune della Regione autonoma della Catalogna, a 30 km. da Barcellona, il convegno di chiusura del progetto “F@ST-EU. The Future Appeal of Small Towns in Europe. New technologies and political communication for young EU citizens” finanziato dalla Commissione Europea nell’ambito del Programma “Europe for Citizens” che prevedeva un gemellaggio tra Miglianico e la municipalità catalana.

Attraverso il finanziamento europeo sono stati realizzati quattro appuntamenti, uno per ogni fine-settimana, che hanno permesso alle delegazioni del Comune italiano di approfondire la conoscenza degli amici di Sant Esteve Sesrovires.

Gli incontri, svoltisi nelle sale municipali del Comune catalano, con grande partecipazione di cittadini, hanno affrontato diversi temi che vedono le due municipalità molto in sintonia, come la memoria storica europea, lo sviluppo sostenibile nei piccoli centri, l’importanza della solidarietà e del volontariato e, da ultimo, le politiche europee per contrastare la crisi economica.

Al convegno conclusivo del progetto, tenutosi sabato 10 giugno, hanno partecipato il sindaco, Fabio Adezio, il suo vice, Ester Volpe Vice-Sindaco e gli asessori Andrea Iannotti, Antonio Palombaro e Arianna Di Tizio, oltre al coordinatore del progetto europeo, Adriano Amorosi, di Eurocivis.

Grande soddisfazione per i risultati ottenuti dal progetto è stata espressa dal sindaco di Sant Esteve Sesrovires, Maria del Carme Rallo, e dall’europarlamentare catalano Jordi Solé, intervenuto al convegno di chiusura del progetto. Il dibattito successivo ha permesso alla cittadinanza di approfondire le politiche europee per i piccoli centri e le conseguenze del “Brexit” sull’economia locale. Da entrambe le comunità è stata espressa la volontà di continuare con la collaborazione rafforzata grazie al progetto finanziato dall’Unione Europea.