Pescara: nominato l’Amministratore Unico Attiva Spa

Decadono il vecchio Consiglio di Gestione e il Consiglio di Sorveglianza.

La società Attiva Spa, che si occupa del servizio della nettezza urbana a Pescara, ha un nuovo Amministratore Unico nella persona di Guglielmo Lancasteri. Durante l’assemblea dei soci di questa mattina, il vecchio sistema dualistico di gestione ha lasciato il posto al sistema tradizionale, già approvato dal Consiglio comunale, con un risparmio di circa 20mila euro l’anno e con l’obiettivo di rilancio della struttura organizzativa e del servizio.

Il sindaco Albore Mascia e gli assessori Antonelli e Del Trecco hanno ricordato:

Lo scorso dicembre , il Consiglio comunale ha approvato la modifica statutaria di Attiva, con la volontà di adeguare la struttura a quelle normative che già da anni avevano imposto una riduzione dei componenti dei Consigli d’amministrazione delle società municipalizzate ad appena 3 membri. Il vecchio governo cittadino, a suo tempo, ha in qualche modo bypassato la norma istituendo per Attiva un sistema di gestione dualistico, ossia sostituendo il Consiglio d’amministrazione con un Consiglio di Gestione e uno di Sorveglianza, senza produrre quell’abbattimento dei costi che era nello spirito della legge.

La nuova amministrazione ha ora deciso di procedere con il rinnovamento radicale della società, adeguando il Comune ai dettami della normativa, e istituendo un sistema di gestione più snello, agile e adeguato. Nel corso dell’Assemblea straordinaria dei soci, svoltasi stamane alla presenza del socio unico della Attiva Spa, il Comune di Pescara, abbiamo quindi attuato quanto previsto dal Consiglio: innanzitutto abbiamo modificato il modello di governance, cancellando i due vecchi Consigli e istituendo l’Amministratore unico, con effetto immediato.

A quel punto, in Assemblea ordinaria, abbiamo assegnato la carica al dottor Guglielmo Lancasteri, un professionista di provata esperienza, al quale ora l’amministrazione comunale di Pescara ha deciso di affidare il delicato compito di riorganizzare la macchina di Attiva, una macchina che, la scorsa estate, abbiamo trovato praticamente ferma, in piena emergenza. Superate le urgenze abbiamo iniziato a riportare a regime la struttura, operazione che ora dovrà però essere proseguita dall’Amministratore Lancasteri, il quale potrà istituire un rapporto di collaborazione privilegiata con il Direttore e con la struttura operativa. Entro poche settimane dovremo cominciare a vedere i primi risultati, con l’organizzazione di squadre di elevata professionalità capaci di assicurare il decoro della città.

Intanto l’Amministratore Unico sarà affiancato da un Collegio sindacale composto da Antonio Bratti con il ruolo di Presidente, Carlo Pulini e Bonifacio Ciattoni; nominati i due supplenti ossia Michele De Angelis e Pino Sulcanese.

Hanno aggiunto il sindaco Albore Mascia e gli assessori Antonelli e Del Trecco:

Già fissate le indennità che, a conti fatti, ci garantiranno un risparmio netto pari a 27mila euro l’anno: sino a oggi Consiglio di Gestione, Consiglio di Sorveglianza e Revisori dei Conti sono costati al Comune 107mila euro l’anno; il nuovo Amministratore unico Lancasteri percepirà invece un’indennità pari a 42mila euro l’anno, mentre il Collegio sindacale comporterà una spesa pari a 21mila euro l’anno complessivi, ossia 9mila euro per il Presidente Bratti, 6mila euro per gli altri due esponenti Pulini e Ciattoni; infine è stato confermato il controllo contabile alla società di revisione KPMG con una spesa di 17mila euro l’anno, per una spesa complessiva pari a 80mila euro ogni anno.