Lago D’Orta: in visita la scuola novarese, ricco calendario di eventi

lagodortalaquila5 (1)ORTA SAN GIULIO (NO) – Grande successo in Abruzzo per il ricco calendario di eventi che in questi giorni ha visto protagonisti il Consorzio Cusio Turismo e l’Ufficio Scolastico Provinciale. Dopo l’accoglienza che il Lago d’Orta aveva riservato agli studenti abruzzesi nel mese di luglio, il territorio novarese ha voluto ricambiare la visita. In realtà tra i due territori, simili per vocazione economica e conformazione geografica, è nato nel tempo un vero e proprio gemellaggio. E così venerdì scorso un pullman della ditta Saf di Fontaneto d’Agogna è partito alla volta di Santo Stefano di Sessanio, portando con sé alcuni studenti novaresi e i rappresentanti del Lago d’Orta e dell’Ufficio Scolastico Provinciale di Novara, tra cui il presidente del Consorzio Cusio Turismo Andrea Giacomini, il provveditore Giuseppe Bordonaro, la presidente dell’ATL di Novara Maria Rosa Fagnoni e il preside dell’Omar Francesco Ticozzi.

C0sì racconta Bordonaro, dirigente dell’Ufficio Scolastico Provinciale:

Con i giovani de l’Aquila abbiamo visitato i luoghi colpiti dal sisma, incontrando i rappresentanti delle istituzioni e del mondo scolastico locale.

viviani con alberghiero TeramoLa visita è iniziata a Navelli, con l’incontro di alcuni imprenditori e in particolare di alcuni produttori del famoso zafferano dop. Sabato, si è svolto invece un convegno dedicato al tema delle eccellenze territoriali ed economiche, che ha visto la presenza di illustri relatori del luogo, tra cui il direttore dell’Ufficio Scolastico Regionale e il presidente di Unioncamere Abruzzo. Nel pomeriggio la visita al capoluogo aquilano, con il coordinamento del Dicomat ovvero Protezione Civile e Vigili del Fuoco. In serata, a Teramo, si è svolto invece il clou dei festeggiamenti, con la cena preparata dagli allievi dell’alberghiero “Di Poppa” e dal campione delle Olimpiadi Mondiali del Riso Paolo Viviani, chef dell’hotel San Rocco di Orta e autore de il “risotto per l’Abruzzo”, originale rivisitazione del famoso piatto con cui lo chef ha vinto le olimpiadi. In tavola prodotti piemontesi e abruzzesi, mentre ad allietare la serata ci hanno pensato i musicisti dell’associazione nazionale “Zampogne e ciaramelle d’Abruzzo”.

Queste le parole del presidente del Consorzio Andrea Giacomini:

Sono stati tre giorni indimenticabili un’iniziativa nata nel segno dell’affetto e della solidarietà, che ci ha permesso di far conscere meglio il nostro territorio grazie a convegni e incontri che proseguiranno anche in futuro. Toccante la visita al capoluogo abruzzese, una città distrutta che però ha iniziato il lungo percorso di ricostruzione, al quale stiamo cercando di collaborare.

visitachiesaterremotatalaquila (1)Numerose le iniziative di solidarietà realizzate o ancora da realizzare: tra le altre, la donazione di una “casa efficiente” in collaborazione con l’Associazione Industriali di Novara. Si tratta un prefabbricato in legno realizzato con le migliore tecnologiche impiantistico-strutturali del distretto rubinettiero del lago d’Orta. La costruzione monta una caldaia a idrogeno e impianti termosanitari brevettati da aziende del territorio e sarà donata alla parrocchia di San Sisto. Sabato, nel tardo pomeriggio, si è svolta la consegna delle chiavi, un gesto simbolico al quale poi seguirà la donazione vera e propria.

Il tour del lago d’Orta si è concluso domenica sul Gran Sasso, con una visita al Santuario di San Gabriele.

In conclusione Andrea Giacomini:

Un’esperienza toccante a febbraio faremo il punto della situazione con un nuovo convegno sul lago d’Orta. Siamo certi che da questa amicizia possano nascere spunti e idee interessanti per eventi che possano promuovere e rilanciare sia il territorio abruzzese sia il nostro lago.

L’iniziativa ha avuto il patrocinio del Ministero per l’Istruzione Università e Ricerca e si è svolta con il sostegno di Confindustria Piemonte, dell’Associazione Industriali di Novara, della Banca Popolare di Novara, della Camera di Commercio e della diocesi novarese.