Des Artistes Café con cucina:oggi l’inaugurazione

DES ARTISTES Cafe? con cucina

Il  nuovo ritrovo ,dal concept innovativo fra architettura, arte e un salotto all’aperto, è nel cuore della città  in   Piazza Martiri della Libertà

TERAMO – Oggi, 23 marzo 2014, a partire dalle ore 18.30, inaugura nel cuore di Teramo il nuovo Des Artistes Café con cucina, un concept innovativo di locale con un’identità giocata su architettura minimalista (Alejandro Bozzi), intervento artistico murale site-specific (Millo) e comunicazione visuale (Leo Margiotti). Inoltre la posizione, all’angolo tra il Corso San Giorgio e la Piazza Martiri della Libertà, rivitalizzerà quella porzione di centro storico con un salotto naturale esterno (tavolini sotto al portico e sulla piazza faccia a faccia col Duomo), presentandosi da subito come un nuovo ritrovo e riferimento per la città.

Primo caffè, primo brindisi e primi sapori,per il nuovissimo Des Artistes Café con cucina di Teramo, che si presenta subito al pubblico, nel cuore della città, come vero e proprio luogo di ritrovo per identità, posizione e servizi offerti.

Architettura minimalista per gli spazi interni, un’opera murale di Millo come timbro artistico contemporaneo, banco lineare, soppalco dedicato ai coperti e un salotto naturale all’esterno con tavolini sotto ai portici e sulla piazza: il presente dialoga con la storia, faccia a faccia con il Duomo il Des Artistes mira a diventare presto un punto di riferimento per i cittadini.

È questa infatti l’idea di partenza del titolare Giulio Mercante, con fortunate gestioni di bar alle spalle come il Calypso situato dall’altra parte della piazza o l’omonimo Des Artistes di Viale Bovio, un sogno di “locale perfetto nel punto perfetto” che i clienti potranno fare diventare realtà. «Ho pensato di realizzare un nuovo tipo di locale in grado di soddisfare ogni richiesta dal caffè del mattino al dopocena – racconta Giulio Mercante – capace di accogliere clienti di tutte le età e in tutte le stagioni, un luogo di riferimento per un gelato al volo così come per una comoda cena».

Il Des Artistes Café con cucina è pensato come esercizio polivalente che propone caffetteria, aperitivi, gelateria artigianale, pranzo e cena, after dinner, shop di vini, birre ricercate, altri articoli e naturalmente prodotti freschi, un locale completo a gestione famigliare con servizio anche da asporto.

Architettura, graphic design e intervento artistico giocano un ruolo complementare nella definizione degli spazi interni ed esterni: ci sono la saletta riservata alla ristorazione con 30 coperti interni, 10 tavolini sotto il portico e uno spazio attrezzato in piazza con 18 tavoli.

«Un progetto con un’impronta minimalista, essenziale e funzionale, dove i materiali la luce e i colori assumono un ruolo importantissimo che conferisce valenza simbolica e carattere di unitarietà all’insieme – commenta l’architetto teramano Alejandro Bozzi, progettista e direttore dei lavori insieme al suo A+Studio – con un risultato che premia le singole scelte progettuali per il quale dobbiamo ringraziare tutte le maestranze coinvolte nel cantiere, tutte aziende teramane che rappresentano una risorsa per l’artigianato locale».

Tre grandi vetrine/ingresso per favorire il rapporto con la città, uno sperimentale rivestimento in corten trattato per il banco, elementi strutturali in ferro e vetro per il corpo scala interno, diversi gradi di luce e semioscurità per illuminazioni che delimitano idealmente le diverse porzioni del locale senza dividerlo materialmente, sono il marchio architettonico del Des Artistes.

Un locale curato in ogni dettaglio grazie ad uno studio sull’identità visiva, creativa, originale ed elegante, come afferma Leo Margiotti, autore col suo Design Studio della comunicazione visuale del Des Artistes Café con cucina: «Abbiamo scelto di valorizzare il nome del locale e il carattere contemporaneo del brand, riservando particolare attenzione alla segnaletica così come al coordinato dei materiali accessori, come ad esempio la carta riciclata ad uso alimentare, del tutto personalizzati e caratterizzati da un’iconografia contemporanea».

E un segno contemporaneo e distintivo è il fulcro visivo del locale, una grande opera murale posta dietro al bancone e ben visibile da ogni ingresso, firmata dall’artista Millo (Mesagne BR, 1979, www.millo.biz), dal titolo “Una vecchia casa silenziosa ma piena di parole”, un viaggio tra dimensione intima e collettiva attraverso un linguaggio originale e polisemantico, un arricchimento artistico degli interni in chiave metropolitana. «È un lavoro che vuole sia stabilire una relazione con la memoria del luogo – spiega l’artista Millo – che cercare di dare un messaggio a chi invece vivrà il nuovo spazio del Des Artistes Café con cucina».

Un luogo studiato per garantire la frequentazione quotidiana e la socialità, riappropriandosi del patrimonio cittadino, dalla vista fronte Duomo ai portici sul Corso, offrendo comfort per una giusta permanenza e naturalmente alta selezione e qualità di bevande e di cibi.