Virtus Lanciano-Padova: frentani in cerca di riscatto

Marco-BaroniDopo la sconfitta interna con il Crotone, la Virtus sarà di scena a Padova.

LANCIANO (CH) – La Virtus Lanciano domani pomeriggio sarà impegnata a Padova dove troverà la squadra biancoscudata imbrigliata nelle parti basse della classifica: infatti i veneti sono in terz’ultima posizione in graduatoria davanti a Reggina e Juve Stabia. Baroni non ha convocato Ferrario e Piccolo, mentre tra il Padova non ci dovrebbero essere defezioni.

Marco Baroni ha presentato il match di domani: “Il Padova – si legge sul sito ufficiale del sodalizio rossonero – è una squadra difficile. Una società importante che da qualche anno vorrebbe fare il salto di qualità. Ha una rosa importante che si sta trovando in grande difficoltà. Sarà una partita difficile, ma noi cercheremo di aumentare le loro difficoltà. Noi dobbiamo fare una partita coraggiosa per cercare di rimanere protagonisti di questo Campionato. Antonio Piccolo per noi è un giocatore importante, non a caso l’ho inserito per 20′ contro il Crotone. Ma gli manca ancora qualcosa sulla resistenza e sulla condizione, perciò ho preferito farlo rimanere qui a Lanciano per un duro programma di lavoro personalizzato. Stessa cosa per Ferrario che, dopo l’infortunio alla spalla, ha alternato alcune settimane piene ad altre con pochi allenamenti.

Per questo ho preferito non portarli, per magari trovarli pronti la prossima settimana. Se noi siamo in questa posizione a 11 giornate dalla fine significa che qualcosa di buono abbiamo seminato. Spetta a noi dare continuità a questo sogno. Per fare questo dobbiamo mantenere la nostra convinzione, la determinazione, il coraggio e la voglia di fare qualcosa in più. Serve questo per mantenere questa posizione in classifica che forse non è da Lanciano ma che possiamo continuare a tenere. Il fatto che altre squadre siano partite con ambizioni da alta classifica e noi no, può essere un vantaggio in quanto non abbiamo nulla da perdere. Ma non deve rappresentare un alibi. Chi ha fame, chi vuole scrivere pagine di storia nel calcio e nella vita, ha bisogno di coraggio, di entusiasmo e di grande determinazione. Se alla prima difficoltà ci giriamo cercando alibi e pensando che qualcosa di buono già abbiamo fatto, non lo otterremo mai”.