Vicenza-Pescara 2-2: biancazzurri raggiunti nel finale

tifosi-Pescara-curva-nordLa rete su rigore di Gatto al 95′ vanifica la rimonta del Delfino

VICENZA – Pirotecnico pareggio in Vicenza-Pescara. Tutto nella ripresa con la rete di Raicevic che sblocca il match, quindi è la squadra di Oddo brava a ribaltare l’incontro con Lapadula e Memushaj. Finale incandescente prima con i rossi ravvicinati di Laverone e Memushaj quindi con il rigore assegnato ai padroni di casa (il secondo dopo quello fallito da Giacomelli nel primo tempo) e realizzato da Gatto al 95′. Beffa per il Delfino che aveva accarezzato il sogno di portare a casa l’intera posta in palio. Ingenuità in entrambi gli interventi di rigore da parte di Torreira che ha macchiato così una gara più che sufficiente.

COSÍ IN CAMPO – Marino che deve fare a meno di ben nove titolari non opera stravolgimenti rispetto alla formazione annunciata alla vigilia: davanti a Vigorito linea a quattro con Sampirisi, El Hasni, D’Elia e Laverone; a centrocampo Vita, Urso e Cinelli mentre in avanti Galano con Raicevic e Giacomelli. La risposta di Oddo con la difesa costituita da Fiamozzi, Zuparic, Fornasier e Zampano; linea mediana con Memushaj, Torreira e Benali, preferito a Verre mentre in avanti confermato Valoti dietro Cocco e Lapadula.

GIACOMELLI CHE ERRORE DAL DISCHETTO – Al 4′ conclusione da fuori area di sinistro di Laverone che impegna Fiorillo, bravo a respingere di piedi. Passa un minuto e Vigorito in area piccola anticipa Cocco al termine di uno scambio in velocità tra Valoti e Lapadula. Al 6′ incornata in area di Raicevic su traversone dalla destra di Laverone e palla che si spegne a lato.  Quattro minuti e Giacomelli scarica il sinistro dal limite con sfera che non esce di molto a lato. Ingenuità di Torreira all’11 che va su Giacomelli in contrasto in area e con l’arbitro che assegna il penalty alla squadra di casa. Sul dischetto batte lo stesso attaccante che conclude centralmente addosso a Fiorillo che blocca a terra senza muoversi e con la palla che si blocca in mezzo alle gambe.

VIGORITO E ZAMPANO SALVANO IL RISULTATO – Al 29′ Cocco offre d’esterno una palla d’oro in area piccola per il taglio di Lapadula ma Vigorito anche in quest’occasione è reattivo a chiudere lo specchio della porta, rifugiandosi in angolo. Al 36′ punizione di Galano dalla sinistra per la testa di Raicevic che alza troppo la mira. Al 42′ clamorosa palla gol per i padroni di casa: Vita salta il portiere e Zampano prima anticipa Galano, pronto alla ribattuta a rete, quindi di testa la manda in angolo e qualche istante più tardi ci prova D’Elia dalla distanza con un diagonale che si spegne a lato. Allo scadere Cocco lavora un’ottima palla dal fondo per Torreira che da fuori area conclude di prima intenzione con palla che termina alla destra di Vigorito.

LAPADULA RISPONDE A RAICEVIC – Un cambio per parte in avvio di ripresa: Marino inserisce Modic per Urso mentre Oddo inserisce Valoti per Verre. Al subito protagonista Fiorillo bravo a respingere la conclusione di Vita che conclude a due passi dall’accorrente centrocampista su perfetto assist di Giacomelli dalla sinistra. Il vantaggio dei padroni di casa è nell’aria e arriva al 4′ con il primo gol stagionale di Raicevic che è bravo prima a girarsi quindi dal limite dell’area a concludere con un perfetto diagonale di destro che lascia impietrito il portiere biancazzurro. Oddo inserisce al 13′ Caprari per Cocco salutato da scroscianti applausi dei suoi ex tifosi e sei minuti più tardi Marino leva dal campo l’autore del gol che ha sbloccato il match, Raicevic, per Gatto. Pareggio del Pescara al 21′ con Lapadula che su traversone dalla sinistra  di Zampano conclude di testa sul portiere in uscita. Nell’occasione il giocatore biancazzurro sembra anticipare l’estremo difensore della squadra di casa anche se non sono mancate le proteste in particolare di Cinelli e Sampirisi, entrambi ammoniti.

MEMUSHAJ COMPLETA LA RIMONTA MA GATTO NON PERDONA AL ’95 – Marino si gioca la sua ultima carta al 26′ con Pinato per Vita. Al 29′ azione personale di Lapadula che ha due volte la palla sul sinistro ma nella prima occasione viene rimpallato dal suo marcatore quindi è Vigorito a metterci una pezza: nell’occasione tuttavia il giocatore biancazzurro poteva suggerire a centroarea Caprari che era solo e avrebbe potuto concludere senza problemi. Oddo al 31′ utilizza il suo ultimo cambio con Mandragora per Benali. Due minuti più tardi si rivede la squadra di Marino con una conclusione di Gatto da fuori area deviata che termina di un soffio a lato. Al 34′ arriva il 2-1 del Pescara con Memushaj che, su perfetta apertura di Verre, in area ha il tempo di aggiustarsi il pallone sul destro e con un perfetto diagonale fredda nuovamente Vigorito. Partita che si innervosisce intorno al 40′ con Mandragora e Caprari in pochi minuti finiti sul taccuino dell’arbitro Pezzuto. Allo scadere saltano i nervi a Laverone che dopo un contatto con Torreira colpisce con una gomitata il giovane centrocampista biancazzurro lasciando i suoi in 10. Pochi istanti più tardi prima Torreira recrimina un fallo al limite non concesso quindi Memushaj viene espulso per doppio giallo ristabilendo subito la parità numerica in campo. Beffardo finale per il Delfino con l’intervento scoordinato di Torreira su Pinato e arbitro che non ha dubbi nel decretare un nuovo rigore per la squadra di casa: dal dischetto Gatto fissa il punteggio sul 2-2.

TABELLINO:

Vicenza (4-3-3): Vigorito, Sampirisi, El Hasni, D’Elia, Laverone; Vita (dal 26′ st Pinato), Urso (dal 1′ st Modic), Cinelli; Giacomelli, Raicevic (dal 19′ st Gatto), Galano. A disposizione: Bianchi, Massaro, Vio, Crestani, Marcone, Pettinari. Allenatore Pasquale Marino.

Pescara (4-3-1-2): Fiorillo, Fiamozzi, Zuparic, Fornasier, Zampano; Benali (dal 31′ st Mandragora), Torreira, Memushaj; Valoti (dal 1′ st Verre); Lapdaula, Cocco (dal 13′ st Caprari). A disposizione: Selasi, Mitrita, Mignanelli, Aldegani, Bunoza, Cappelluzzo. Allenatore Massimo Oddo.

Arbitro: Ivano Pezzuto

Assistenti: Vincenzo Soricano, Tarcisio Villa

Reti: 4′ st Raiacevic, 21′ st Lapadula, 34′ st Memushaj, 50′ st Gatto su rigore

Ammoniti: Memushaj, Cinelli, Sampirisi, Vita, Giacomelli, Mandragora, Caprari

Recupero: 1 minuto nel primo tempo, 5 minuti nella ripresa

Espulsi al 45′ Laverone per intervento violento su Torreira, al 47′ Memushaj per doppio cartellino giallo

NOTA: al 12′ Giacomelli fallisce un calcio di rigore.