Vasto, nuovo Piano Sociale potenzia i servizi

Il Sindaco: noi lavoriamo, le opposizioni remano contro anche su provvedimenti così importanti

VASTO (CH) – Il nuovo Piano Sociale del comune di Vasto riserverà grande attenzione agli anziani, ai portatori di gravi disabilità e alle persone più bisognose. Questa è la volontà espressa dal sindaco Luciano Lapenna che sabato scorso ha approvato con quattordici voti favorevoli e 2 astenuti (Desiati e Bischia di Progetto Vasto) il Piano di Zona dei Servizi Sociali.

La Regione, purtroppo, ha continuato a tagliare i fondi per il sociale. Noi come Comune di Vasto continuiamo a fare il nostro dovere investendo oltre un milione e mezzo di euro l’anno.

ha detto il sindaco, proseguendo  ammonendo l’opposizione:

Ancora una volta  hanno dato dimostrazione di non voler bene a questa città perché davanti alla necessità che il nostro Comune aveva di approvare il Piano Sociale entro e non oltre il prossimo 13 luglio, hanno preferito continuare nel loro atteggiamento teso a boicottare il lavoro dell’Amministrazione Comunale.

Io credo che ai cittadini di Vasto interessi la soluzione di problemi seri e non i cavilli di alcun genere. Responsabile è stato invece l’atteggiamento di Progetto per Vasto che ha partecipato con grande responsabilità alla discussione, facendo anche delle significative richieste che sono state accolte.

Il neo assessore Antonio Spadaccini, sottolineando il fatto che il Piano è stato condiviso sia dalle associazioni che dagli operatori del sociale, ha ringraziato l’Istituzione dei Servizi Sociali per il lavoro svolto e per quello che andrà a fare da qui in avanti:

Il Comune di Vasto  continuerà ad erogare servizi di qualità e quantità.

Ad oggi sono circa seicento gli anziani assistiti, oltre a centotrenta disabili. L’Assessore Marco Marra, che nella passata Amministrazione aveva la delega alle politiche sociali, ha detto che il Piano approvato, oltre a conservare i livelli di assistenza garantiti nel passato, è riuscito anche a potenziare i servizi che saranno erogati dal Centro Donna Attiva e dal Centro Diurno per disabili.