Trapani-Lanciano 1-3: tris rossonero, abruzzesi in vetta alla classifica

TRAPANI – Successo in rimonta della Virtus che dopo aver subito un primo tempo quasi esclusivamente appannaggio dei padroni di casa, ribaltano il punteggio nel finale di tempo con Pavoletti e Volpe, legittimando lo stesso nella ripresa con la rete di Titone. Tre punti in trasferta che mancavano dal 18 settembre con il successo a Prato e che permettono agli uomini di Gautieri di balzare in vetta alla classifica insieme alla Cremonese.

COSì IN CAMPO – Speculare modulo 4-4-2 con i padroni di casa che confermano la formazione tipo schierando: Castelli, Priola, Lo Bue, Pagliarulo, Filippi, Pirrone, Barraco, Caccetta, Abate, Gambino, Tedesco. La Virtus che palesa le assenze in difesa di Massoni e Mammarella si affida al seguente 11: Aridità, Aquilanti, Vastola, D’Aversa, Rosania, Amenta, Turchi, Capece, Pavoletti, Volpe, Titone.

IL MATCH – Avvio di marca siciliana con Barraco che su assist di Gambino al 3′ conclude dalla distanza, attento Arididà e al 9′ Abate che supera un avversario in velocità e dal limite conclude a lato. Quindi un botta e risposta con Barraco che risponde a Volpe ma i portieri fanno buona guardia. Al 25′ si sblocca l’incontro: Rosania in area pasticcia e si fa soffiare il pallone da Abate che viene atterrato dallo stesso difensore ospite. Dal dischetto trasforma Barraco.

Sul finale di tempo però la Virtus coglie il pari: siamo al 40′ quando su un cross di Capece il numero uno di casa sbaglia il tempo di uscita facendosi anticipare di testa da Pavoletti con traiettoria letale per i padroni di casa. Gli abruzzesi sferrano il colpo mortale nei minuti di recupero con Volpe che sfrutta l’assist di Pavoletti per chiudere il tempo con il vantaggio degli ospiti.

Ripresa con gli abruzzesi che giocando più corti controllando senza troppe apprensioni un avversario che non riesce ad alzare i ritmi di gioco, favorendo così la fase difensiva degli ospiti. Al 64′, dopo aver subito alcuni minuti di pressione dei padroni di casa, i ragazzi di Gautieri chiudono i conti: Titone è lesto in area ad infilare Castelli dopo una ribattuta su conclusione di Volpe.

La gara non ha più nulla da dire nonostante il tecnico Boscaglia provi le carte Mastrolilli e Madonia, rinunciando ad un terzino passando ad un 3-4-3 molto offensivo. I tentativi dei siciliani infatti non creano grosse apprensioni ad una Virtus molto brava a chiudere gli spazi ed a difendere senza affanno. Da registrare solo una conclusione di testa di Mastrolilli all’82 alta e ad una deviazione di Aquilanti in chiusura che per poco non beffa il portiere.

Un importante colpo che potrebbe aprire nuovi scenari ad una squadra sempre più matura e capace di colpire di rimessa in modo spietato. In un girone dove ancora non ci sono leader, i rossoneri hanno chance per poter ben figurare e magari mantenersi in corsa per restare negli alti quartieri di classifica.

TABELLINO:

Trapani-Virtus Lanciano 1-3

Trapani (4-4-2): Castelli, Priola (Daì al 76’), Lo Bue (Madonia al 67’), Pagliarulo, Filippi, Pirrone (Mastrolilli al 67’), Barraco, Caccetta, Abate, Gambino, Tedesco. A disp.: Dolenti, Provenzano, Cianni , Montalbano. All: Boscaglia

Virtus Lanciano (4-4-2) : Aridità, Aquilanti, Vastola, D’Aversa, Rosania, Amenta, Turchi (Piccioni all’86’), Capece (Marfisi al 92’), Pavoletti, Volpe, Titone (Chiricò all’82’). A disp.: Amabile, Di Filippo, Novinic, Marfisi, Impronta. All.: Gautieri

Arbitro: Pietro Dei Giudici di Latina (Mondin e Maspero)

Reti: Barraco (T) al 25’ (r), Pavoletti al 40’, Volpe al 46’, Titone al 64’

Ammoniti: Titone, Barraco, Amenta, Capece, Volpe

Recupero: 3 minuti nel primo tempo, 5 minuti nella ripresa

Spettatori: 2500 circa.