Terremoto Emilia, la Protezione Civile abruzzese a “Una giornata per dire grazie”

L’AQUILA – La Protezione Civile regionale ha partecipato nei giorni scorsi, a Bologna, alla manifestazione “Una giornata per dire grazie” ideata dalla Regione Emilia Romagna quale riconoscimento verso tutti i volontari che hanno partecipato all’emergenza post-sisma dell’Emilia. L’evento si è tenuto al PalaDozza di Bologna alla presenza del Capo Dipartimento Nazionale di Protezione Civile Franco Gabrielli, del Presidente della Regione Emilia Romagna Vasco Errani e dei rappresentanti del sistema nazionale di Pretezione Civile. La Regione Abruzzo ha partecipato all’iniziativa inviando sul posto una rappresentanza di 50 volontari appartenenti alle Associazioni maggiormente impegnate nella gestione del ‘Campo Abruzzo’ di Cavezzo.Il filo conduttore della giornata è stato il sentimento di gratitudine della popolazione emiliana e del Capo del DPC nei confronti del volontariato per l’eccezionale impegno profuso in occasione dell’evento sismico del maggio scorso. L’assessore alla Protezione Civile, Gianfranco Giuliante, ha espresso sentimenti di riconoscenza nei confronti di tutti i volontari abruzzesi che per 140 giorni hanno assistito circa 1000 terremotati del Comune di Cavezzo. Il ‘Campo Abruzzo’ di Cavezzo, considerato tra i più attrezzati dal Capo DPC, si sviluppava per una superficie di 2.200 mq, ed era composto da 63 tende climatizzate ed ombreggiate, 2 cucine mobili, 10 moduli bagni, 3 tensostrutture, 1 lavanderia, 1 modulo ufficio, 1 ponte radio, 1 modulo per le attività ludiche, 1 canile ed una sala operativa mobile. Sono stati serviti circa 250.000 pasti tra colazioni, pranzi e cena e si sono registrate un totale di circa 11.000 presenze di volontari abruzzesi.