Teramo, mostra del pittore e scultore Ireneo Ianni

TERAMO – È stata inaugurata sabato  e resterà aperta fino al 10 dicembre la Mostra Antologica del pittore e scultore Ireneo Ianni presso la Sala Carino Gambacorta della Banca di Teramo , in Via Crucioli. L’iniziativa, voluta dal Presidente On.le Antonio Tancredi, intende richiamare l’attenzione su uno dei più apprezzati e titolati artisti abruzzesi che, per alcune decine di anni, ha operato a Roma dove ha avuto modo di mettersi in evidenza e guadagnarsi l’apprezzamento della critica più qualificata. La Mostra è stata presentata da Vincenzo Centorame, Presidente della Fondazione Michetti, il quale è anche l’autore di una attenta lettura critica, nel catalogo, dell’artista atriano.

L’esposizione consente di ammirare una nutrita quantità di dipinti in cui si evidenzia la padronanza tecnica e lo stile originale di Ianni il quale è, notoriamente, uno dei rappresentanti più apprezzati della pittura realista.

In particolare il suo linguaggio si esalta nella trattazione di figure femminili, soprattutto nudi, sempre inserite in un contesto mitico ed in un evidente richiamo alla classicità e ad una attenzione per la realtà urbana, magari con un semplice segno, che caratterizza un contesto sempre suggestivo. Di notevole interesse anche le proposte nel campo della scultura, a dimostrazione della completezza di un artista che ha saputo conservare, nel tempo ormai lungo della sua attività, una coerenza di linguaggio che non si mai fatto sviare dalle tendenze artificiali e dai “poteri forti” che fanno guasti anche nel campo dell’arte.

Vincenzo Centorame è particolarmente polemico a questo riguardo, mettendo in evidenza come, troppo spesso, vengono esaltati valori artificiali e finti “avanguardisti” per esclusivi interessi finanziari. Ireneo Ianni presenta inoltre alcuni dei suoi famosi disegni che lo hanno reso noto al grande pubblico, anche nella sua qualità di illustratore raffinatissimo ed in possesso di una padronanza tecnica che non si può certo improvvisare.